Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le persone che avvertono cattivi odori non potranno recarsi nelle biblioteche cittadine, rischiando di ricevere una pesante multa.

Le persone che avvertono cattivi odori non potranno recarsi nelle biblioteche cittadine, rischiando di ricevere una pesante multa.

A partire da gennaio 2024, gli utenti delle 45 biblioteche pubbliche di Montreal dovranno prestare molta attenzione alla loro pulizia, pena il rifiuto dell’ingresso e una multa. Infatti, come riporta La Presse, presto una nuova norma vieterà l’accesso alle persone che hanno”Igiene personale che disturba altri utenti o dipendenti“.

La Biblioteca municipale di Waterloo non si sposterà: il ricorso dell’opposizione impedisce il trasferimento a WOW

Per una prima violazione si può ricevere una multa che va dai 350 ai 1.000 dollari canadesi. Se la violazione viene ripetuta, l’importo salirà a 3.000 dollari canadesi, ovvero circa 2.050 euro.

Il mondo unionista arrabbiato

Se questa regola soddisfa più di una persona, l’associazione protesta. La nuova norma, infatti, mira anche a punire le persone che dormono in questi spazi culturali, che rappresentano un rifugio per molti senzatetto. “Questa nuova regola solleva dubbi sul fatto che i senzatetto siano i benvenuti nell’ecosistema bibliotecario con tutto ciò che offre: computer, libri e connessione con gli altri.“”, ha detto a CVY News James Hughes, presidente di un gruppo di difesa dei senzatetto.

Da parte della Città di Montreal, la nuova regolamentazione si spiega con la situazione in cui talvolta si trovano i dipendenti: “Tuttavia, bisogna riconoscere che il personale della biblioteca si trova ad affrontare situazioni delicate e complesse, che richiedono una migliore supervisione.“, ha giustificato Valérie Plante, sindaco di Montreal, su X (ex Twitter). “Le biblioteche di Montreal, come tutti gli spazi pubblici della città, saranno sempre luoghi inclusivi, sicuri e accoglienti per tutti.“.