Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le barriere coralline del Mar Rosso sono minacciate dal misterioso massacro dei ricci di mare

Le barriere coralline del Mar Rosso sono minacciate dal misterioso massacro dei ricci di mare

Gli scienziati sono preoccupati per le famose barriere coralline del Mar Rosso dopo aver scoperto che una misteriosa malattia sta decimando una popolazione di ricci di mare essenziali per la loro sopravvivenza.

A Eilat, la città più meridionale di Israele, al confine con l’Egitto e la Giordania, la ricercatrice Lisa Maria Schmidt ricorda il momento in cui lei e i suoi colleghi dell’Università di Tel Aviv scoprirono questo parassita.

Le indagini sono iniziate a gennaio quando si è appreso che al largo di Eilat molti ricci di mare erano morti in brevissimo tempo.

Gli scienziati si sono recati in un sito noto per essere infestato dal Diadema setosum, dice la Schmidt, e lì non hanno trovato altro che “scheletri e mucchi di spine” di ricci di mare avvolti, una specie caratterizzata dai suoi arti molto lunghi a forma di radio e dalla sua cerchio arancione chiaramente visibile su un corpo nero.

Poi hanno avuto l’idea che una fuga chimica o un episodio di contaminazione avrebbero potuto avere un ruolo in queste morti.

Ma nelle due settimane successive furono colpiti anche i pesci Diadema setosum che avevano allevato un po’ più a valle presso l’Istituto interuniversitario di scienze marine. In meno di 48 ore, tutti questi ricci di mare nelle vasche alimentate dall’acqua del Mar Rosso sono morti.

Gli scienziati escludono quindi l’ipotesi di un incidente eccezionale e intensificano le ricerche per scoprire la causa di queste morti improvvise.

Si rendono conto che anche un’altra specie di riccio di mare (Echinothrix calamaris) è vittima di massicce morie nelle stesse acque, ma a parte queste due specie, altre popolazioni continuano a prosperare tra le barriere coralline.

READ  Con le spalle al muro, Google sta ancora una volta ristrutturando i suoi team di intelligenza artificiale

– “allarmante” –

Il Diadema setosum è la specie di riccio di mare più comune al largo della costa di Eilat e la sua scomparsa potrebbe avere un impatto devastante sull’ambiente perché questi animali marini si nutrono di alghe a crescita rapida, ha affermato Schmidt.

Consumandoli, impediscono loro di coprire le barriere coralline, che hanno bisogno di accesso alla luce per crescere.

Spiega che le alghe “crescono più facilmente delle barriere coralline, soffocandole e uccidendo così intere aree di barriere coralline”.

Le morie di massa dei ricci di mare sono “particolarmente spaventose” per il Mar Rosso, dove “le barriere coralline sono note per essere forti, e penso che le persone abbiano riposto molte speranze in queste barriere coralline”, ha avvertito Mia Breitbart, biologa della Columbia. Università. Florida meridionale, Stati Uniti.

Se le barriere coralline si estendessero a poco meno dello 0,2% della superficie del mare, ospiterebbero più del 25% della biodiversità marina mondiale.

La signora Breitbart ha recentemente svelato il mistero della massiccia moria di ricci di mare nelle Indie occidentali identificando l’agente patogeno che nel 2022 ha decimato intere colonie di una varietà di ricci di mare legati al Diadema setosum.

-Indovina-

Ma le barriere coralline dell’India occidentale non si sono mai riprese dalla moria di massa delle popolazioni locali di ricci di mare avvenuta negli anni ’80.

Se fino ad oggi la causa di questo male non è stata chiaramente stabilita, le conseguenze sono ben note.

Omri Bronstein, specialista in invertebrati marini, ha spiegato all’AFP che “le barriere coralline delle Antille sono completamente cambiate: (siamo passati) da un ambiente dominato dalle barriere coralline (come nel Mar Rosso) ad un ambiente dominato da alghe.” All’Università di Tel Aviv.

READ  YouTube Premium: la mancia di pagamento più bassa scadrà presto?

Ma quando si tratta del Mar Rosso, Bronstein, che guida i ricercatori che indagano su Eilat, si perde in congetture.

“È lo stesso agente patogeno [si telle est la cause]“Da quello che colpì le Indie Occidentali” una quarantina di anni fa, “o siamo di fronte a uno scenario completamente diverso?”

Una cosa che sembra certa, ha detto, è che porre fine all’infezione è impossibile perché “non possiamo trattare l’oceano come abbiamo trattato gli esseri umani con il Covid”, attraverso i vaccini.

Lo scienziato ha in mente un’altra soluzione: allevare ricci di mare delle due specie a rischio di estinzione e tenerli in cattività prima di rilasciarli nel Mar Rosso per ripopolare le barriere coralline quando il pericolo sarà passato.

Una volta trovata l’origine di queste sparizioni, Bronstein e i suoi colleghi vogliono determinare in che modo è stato colpito il Mar Rosso.

Se gli agenti patogeni arrivano via mare, è possibile adottare misure per pulire le imbarcazioni e ridurre il rischio di diffusione, perché sicuramente, se si incontra un parassita mortale, il prossimo è già “in viaggio”, da qualche parte nel porto o su una nave.