Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA si sta preparando a riportare sulla Terra il primo campione dell’asteroide domenica

La NASA si sta preparando a riportare sulla Terra il primo campione dell’asteroide domenica

Si prevede che la discesa finale attraverso l’atmosfera terrestre sarà rischiosa, ma l’agenzia spaziale americana spera che si tradurrà in un arrivo regolare, intorno alle 9:00 ora locale (15:00 GMT), in un’area militare tipicamente utilizzata per i test. Missili.

Dopo il decollo nel 2016, la sonda Osiris-Rex ha raccolto pietre e polvere dall’asteroide Bennu nel 2020.

Circa 250 grammi di materiale (+ o – 100 grammi), secondo le stime della NASA, “ci aiuterebbero a comprendere meglio i tipi di asteroidi che potrebbero minacciare la Terra” e a far luce “sull’inizio della storia del nostro sistema solare”. ” Sistema”, ha confermato il capo dell’Agenzia spaziale Bill Nelson.

“Il ritorno di questo campione è davvero storico”, ha detto all’AFP la scienziata della NASA Amy Simon. “Questo sarà il più grande campione di roccia lunare che abbiamo mai riportato” dal programma Apollo, terminato nel 1972.

Ma prima di raggiungere il prezioso carico, la manovra da intraprendere è “pericolosa”, ammette.

La sonda Osiris-Rex deve rilasciare la capsula contenente il campione quattro ore prima dell’atterraggio, a più di 100.000 chilometri dalla Terra.

Durante gli ultimi 13 minuti, questa capsula attraverserà l’atmosfera: entrerà a una velocità di oltre 44.000 km/h, con una temperatura che salirà fino a 2.700 gradi Celsius.

La caduta, monitorata da sensori militari, sarà rallentata da due paracadute in fila, ed è essenziale che siano attivati ​​correttamente per evitare un “atterraggio duro”.

È possibile che all’ultimo minuto si decida di non lanciare la capsula se diventa chiaro che l’area target (58 x 14 chilometri) non verrà raggiunta. La sonda orbiterà quindi attorno al Sole, prima di tentare nuovamente la fortuna nel 2025. Ma se il suo lancio andrà bene, decollerà verso un altro asteroide.

READ  Apple ora offrirà caricabatterie USB-C

Due campioni giapponesi

Una volta che la capsula atterrerà sulla Terra, un team dotato di guanti e mascherine ne controllerà le condizioni, prima di posizionarla in una rete, per poi sollevarla in elicottero e trasportarla in una “clean room” temporanea.

La capsula deve essere esposta alla sabbia del deserto americano per il minor periodo possibile, per evitare qualsiasi contaminazione del campione che potrebbe falsare le analisi successive.

Il trasferimento è previsto lunedì al Johnson Space Center di Houston, in Texas. È qui che verrà aperta la scatola, in un’altra stanza sigillata. Il processo richiederà giorni.

La NASA prevede di tenere una conferenza stampa l’11 ottobre per rivelare i primi risultati.

La maggior parte del campione sarà conservata per lo studio delle generazioni future. Circa il 25% verrà utilizzato immediatamente per le sperimentazioni e una piccola parte sarà condivisa con i partner Giappone e Canada.

Lo stesso Giappone ha fornito alla NASA alcuni grani dell’asteroide Ryugu, di cui ha riportato 5,4 grammi nel 2020, durante la missione Hayabusa-2. Nel 2010, è stata segnalata una quantità microscopica di un altro asteroide.

Questa volta, il campione di Bennu è “molto più ampio, quindi saremo in grado di fare più analisi”, ha detto Amy Simon.

Storia della nostra origine

Gli asteroidi sono composti dai materiali originari del sistema solare, 4,5 miliardi di anni fa. A differenza della Terra, è rimasta intatta.

Contiene quindi “indizi su come il sistema solare si è formato e si è evoluto”, ha detto in una conferenza stampa Melissa Morris, capo del programma Osiris-Rex della NASA. “È la nostra storia d’origine.”

READ  Xiaomi: Il nuovo altoparlante Bluetooth si adatta all'auto elettrica ed è certificato IP66

Colpendo il nostro pianeta, “pensiamo che gli asteroidi e le comete abbiano portato con sé materia organica, e forse acqua, che ha aiutato la vita ad evolversi sulla Terra”, ha spiegato Amy Simon.

Gli scienziati ritengono che Bennu (500 metri di diametro) sia ricco di carbonio e contenga molecole d’acqua intrappolate nei minerali.

L’asteroide ha sorpreso anche gli scienziati: la sua superficie si è rivelata meno densa del previsto durante la raccolta dei campioni. Il braccio della sonda affondò, come in una fossa di palline.

Tuttavia, una migliore comprensione della loro composizione potrebbe essere utile in futuro.

C’è una piccola possibilità (una su 2.700) che Bennu colpisca la Terra nel 2182, un impatto che potrebbe essere catastrofico. Ma l’anno scorso la NASA è riuscita a deviare un asteroide scontrandosi con esso.