Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le aziende europee affermano che le grandi aziende tecnologiche dovrebbero chiedere consiglio ai concorrenti su come conformarsi alle norme dell'UE – 16 gennaio 2024 alle 14:00 EDT.

Le aziende europee affermano che le grandi aziende tecnologiche dovrebbero chiedere consiglio ai concorrenti su come conformarsi alle norme dell'UE – 16 gennaio 2024 alle 14:00 EDT.

Schibsted, Allegro e più di 20 milioni di imprese e gruppi industriali europei sul mercato della Big Tech chiedono che la loro presenza sul mercato non si conformi urgentemente alle nuove norme dell'UE per rafforzare la concorrenza prima della data successiva . Marte.

Nell’ambito della sua ultima repressione contro le Big Tech, lo scorso settembre l’Unione Europea ha dichiarato che 22 servizi “gatekeeper”, gestiti da sei delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, sarebbero soggetti al Digital Markets Act (DMA) e al suo elenco di servizi. Cosa fare e cosa non fare.

Il Digital Markets Act richiede ai guardiani – Alphabet, Amazon, Apple, Meta, Microsoft e ByteDance, proprietario di TikTok – di eseguire le proprie app di messaggistica insieme ai loro concorrenti e di consentire agli utenti di scegliere quali app preinstallare sui propri dispositivi, tra le altre.

Le aziende hanno tempo fino al 6 marzo per adeguarsi alle nuove regole. In una lettera aperta congiunta, il gruppo svedese Schibsted, la polacca Allegro e altre 22 società hanno affermato che gli sforzi finora non sembrano essere sufficienti.

“I guardiani non sono riusciti a collaborare con terze parti o a fornire soluzioni non conformi al DMA. Le aziende e i consumatori rimangono in gran parte all'oscuro di ciò che accadrà dopo il 7 marzo 2024”, hanno affermato.

Secondo loro, le grandi aziende tecnologiche dovrebbero “impegnarsi il più presto possibile in un dialogo costruttivo con gli utenti aziendali e le altre parti interessate, come le associazioni di imprese e consumatori, e passare rapidamente alle soluzioni di conformità che offrono”.

Altri firmatari della lettera includono la società tedesca Idealo, le società tecnologiche francesi Qwant e Le Guide e le società britanniche Kelkoo, Proton e Vipps MobilePay.

READ  Fortnite è tornato sui dispositivi mobili, grazie a GeForce Now di NVIDIA

L’appello delle aziende e di nove gruppi industriali, tra cui News Media Europe, Alliance for App Fairness, EU Tech Travel e European Publishers Council, rispecchia appelli simili recentemente lanciati dai funzionari della Commissione europea. (Segnalazione di Fu Yun Che)