Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Mercieve, la startup di Waterloo che vuole curare il mondo con la realtà virtuale

A Mercieve, la startup di Waterloo che vuole curare il mondo con la realtà virtuale

Fornire uno spazio immersivo a 360 gradi di ambienti diversi e variegati per il benessere delle persone che soffrono di ansia, depressione, disturbi cognitivi o anche malattie neurodegenerative, questo è in sostanza il ruolo di SAM (System Autonomous Multisensory), un'interfaccia sviluppata da Startup di Waterloo InMersiv Technologies. Concretamente, questa grande scatola, destinata principalmente all'uso medico, permette ai pazienti di immergersi in prati, foreste (compresa la Foresta Sonian), deserti, spiagge, ecc. Con suoni ed effetti tempestosi per creare una sensazione di benessere e calma. Una sorta di videogioco di realtà virtuale ma senza visore e molto più semplice da usare.

Dietro questo progetto ci sono Diana Burcescu e Maxime Jacobs, co-fondatori di InMersiv. Queste, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non provengono, inizialmente, dalla tecnologia o dal management… ma dall'arte. Diana ha studiato alle Belle Arti e all'ERG (Scuola di Ricerca Grafica). Poi ha continuato la formazione per poter gestire un'impresa. In ERG incontra Maxim che successivamente consegue un dottorato di ricerca in Intelligenza Artificiale. In cinque anni di lavoro e tre anni dalla fondazione dell'azienda, hanno sviluppato il trattamento SAM.

SAM è molto più che semplici display ambientali e tattili, è soprattutto uno strumento alimentato da “Molti studi medici”che mira a “Creare immersioni per ridurre l’assunzione di farmaciriassume Diana. “Vorremmo vedere una riduzione dell’80% nell’uso di antidepressivi”..

Per comprendere meglio le ambizioni del progetto dobbiamo tornare alle origini di SAM.

Dopo aver conseguito il master, Maxime ha coprodotto un documentario sulla presenza dei robot in campo medico. Lì osservò l'effetto positivo di un piccolo robot simile all'uomo sul comportamento dei pazienti: “Tuttavia, questo robot era carico di adrenalina perché era telecomandato. Ma volevamo vedere come sarebbe stato in futuro, completamente autonomo, senza che nessuno ci riuscisse.”.

Questo è ciò che SAM vuole essere, una terapia dolce che dovrebbe essere indipendente. “Volevamo che la tecnologia autonoma si adattasse a ogni persona. Non tramite telecomando, ma in modo naturale.”Diana aggiunge. Pertanto, l’esperienza deve essere fluida e consentire agli operatori sanitari, alla famiglia e persino al paziente stesso di controllarla.

READ  Il design di Pixel 8 appare in un leak, dai un'occhiata!

“Diventare il cuore delle istituzioni mediche”

Per quanto riguarda il trattamento della malnutrizione acuta grave, Maxime ha una sola ambizione: “Possa Sam essere il cuore delle istituzioni mediche in Europa… e nel mondo.”. L'idea è già stata convinta. Se il progetto è supportato da numerosi studi, lo è anche dalla Regione Vallonia, da incubatori e perfino da una grande azienda come Epic Games (a cui si devono il videogioco Fortnite e la creazione del motore grafico Unreal Engine, ampiamente utilizzato nel settore dei videogiochi e non solo). Grazie a questo supporto e al team di cinque persone dietro Diana e Maxime, SAM Therapy è già alla sua sesta vendita, anche se è appena in fase di commercializzazione.

Il monitoraggio sarà effettuato gradualmente dal team InMersiv, che intende ampliare il concetto. “La terapia SAM può avere altri usi, ad esempio nella cultura o nel settore immobiliare”. Questa variante intitolata SAM Vision può trovare molti usi nei musei, a scuola o anche nell'apprendimento degli sport. Il sistema SAM sarà migliorato man mano che i test procederanno, proprio come lo sviluppo dei missili, sottolinea Maxim. Se oggi hai bisogno di un tablet per navigare e selezionare un ambiente SAM, dovrebbe essere in grado di acquisire tutto da remoto a lungo termine.