Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le auto elettriche sono state duramente colpite dall’inflazione: è un’auto che vale meno di 30.000 euro? È quasi impossibile da trovare!

Ormai è quasi certo: in un futuro non troppo lontano l’elettricità diventerà il principale mezzo di propulsione per le nostre auto. Quasi ogni mese Nuove decisioni vengono prese a livello europeo Preferire l’energia elettrica ai motori a combustione, tranne forse in Vallonia, dove il progetto di riforma del bollo auto è, così com’è, molto svantaggioso per i cosiddetti veicoli verdi.

Molte decisioni che hanno un chiaro impatto sulla vendita di auto elettriche. Secondo i dati di Vibiac per il primo trimestre del 2022Quasi un veicolo su tre di nuova immatricolazione (31,3% per l’esattezza) era dotato di motore elettrico. Di cui il 9,3% sono 100% elettriche e il resto sono ibride con spina (14,8%) o meno (7,2%). Un aumento innegabile: nell’intero anno 2020 solo il 4,9% dei veicoli usciti dalle concessionarie era elettrico.

La frenesia dell’elettrificazione è stata particolarmente notata da parte delle aziende, in particolare per le interessanti politiche in termini di elettrificazione delle flotte a noleggio e dei veicoli aziendali: A partire dal 2026, solo i veicoli a emissioni zero possono ancora essere soggetti a una detrazione fiscale del 100%. Si tratta di un importo che verrà gradualmente ridotto ogni anno fino a raggiungere un tetto massimo del 67,5% dal 2031.

Nel frattempo: le auto termiche della società immatricolate dopo luglio 2023 vedranno i loro benefici fiscali scendere al 50% nel 2026 e allo 0% nel 2028.

Di conseguenza, le società da sole hanno rappresentato l’86,2% del volume totale dei veicoli elettrici al 100% nel primo semestre.

Le persone sono ritardate. E tutti gli studi e i sondaggi d’opinione condotti tra di loro sono conclusivi: ci sono tre ostacoli principali all’acquisto di un’auto elettrica da parte della persona media. In terzo luogo, il numero ei prezzi delle stazioni di ricarica pubbliche a volte superavano i 9 euro per 100 km. Poco meno di un’auto termica: 9,8 euro per il diesel e 10,8 euro per la benzina 95, secondo i dati forniti da SPF Economy.

READ  Come si spiega l'aumento dei prezzi delle materie prime?

In secondo luogo, l’autonomia è considerata insufficiente da molti automobilisti. Se questo permette al suo proprietario di andare al lavoro praticamente tutti i giorni senza doversi ricaricare durante la settimana, la paura di andare in vacanza reprime un po’ di entusiasmo. Tuttavia, nel prossimo futuro, l’autonomia delle auto, che attualmente è in media di 400 km, può aumentare notevolmente. di recente, Il prototipo Mercedes EQXX è stato in grado di superare la sbarra di 1.000 km di autonomiae soprattutto durante la guida a 140 km/h sulle autostrade tedesche.

Infine, l’ostacolo principale all’acquisto di un’auto elettrica rimane il prezzo, che spesso è considerato costoso. Una sensazione rafforzata da una crisi inflazionistica senza precedenti che riduce il potere d’acquisto dei cittadini con l’aumento dei prezzi delle auto. Un’indagine lanciata su dh.be conferma la situazione: il principale ostacolo all’acquisto di un’auto elettrica è il suo prezzo (41%), seguito dall’autonomia (27%) e dall’assenza di colonnine di ricarica (10%).

L’esercizio l’abbiamo fatto poco più di un anno fa: delle centinaia di auto elettriche in vendita, ne abbiamo elencate solo due sotto i 20.000 euro: la Dacia Spring e la Renault Twingo. Un anno dopo, l’inflazione passò. E sotto quella somma simbolica ne è rimasta solo una: la sorgente della Dacia. Che continua a registrare un forte aumento dei prezzi: dai 16.990 euro del 2021 ai 19.990 euro di oggi (+17,6%).

Per un’auto elettrica sarà necessario disfare la valigia: per meno di 30.000 euro sono disponibili solo quattro modelli: Dacia Spring; Renault Twingo (23.250 euro); Smart Fort Two (24.000 euro) e Fiat 500e (24.990 euro).

READ  TotalEnergies : l'avis d'Oddo aprs la decisione in Russia

Quantità davvero grandi per veicoli di piccole dimensioni. Tuttavia, i modelli economici suggeriscono che le auto elettriche potrebbero diventare meno costose delle loro controparti termiche a partire dal 2025. Quindi sii paziente.