Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’azienda di caffè MaxiCoffee è stata acquisita dall’italiana Lavazza

Una piccolissima azienda è emersa dal suolo nel 2007 a La Teste-de-Buch con tutta modestia. Dopo anni di forte crescita, molteplici raccolte fondi e prime acquisizioni, Maxicoffee Group sarà acquisito al 100% da un gigante mondiale del caffè. , l’italiana Lavazza, con un fatturato di 2,3 miliardi di euro. L’importo della transazione non è stato reso noto, ma è molto alto. Lavazza sta infatti acquistando MaxiCoffee Group dal suo azionista di maggioranza, Christophe Brancato. Anche Daltys (Bouches-du-Rhône), potente leader francese nei distributori automatici di caffè (1.600 dipendenti e una flotta di 40.000 distributori automatici), ha acquisito MaxiCoffee nel 2018, anche se con Jean-Charles Krompholtz come azionista di minoranza.

Nella stessa materia



Maxi Caffè Bianco Plus Grand

Maxicoffee lascerà La Teste il prossimo anno per stabilirsi a Lacanau de Mios. La Francia diventa numero uno al mondo nella vendita di macchine da caffè online.

Alto aumento

Visto il crescente successo di MaxiCoffee, che riscuoteva molto successo a La Teste, Daltis ha sostenuto il progetto per la costruzione di una nuova sede di robotica ultramoderna di 10.000 metri quadrati a Lacanau-de-Mios lungo la ‘A63’. Inaugurato nel 2019 con un investimento di 10 milioni di euro. Christophe Brancato ha anche creato la holding MaxiCoffee per controllare questo nuovo gruppo, che ha portato all’acquisizione di Daltis. Da allora la società, di proprietà del fondo 21 Invest France e di altri azionisti di minoranza, è cresciuta. Nel 2021 solo MaxiCoffee ha raggiunto un fatturato di 90,3 milioni di euro, un risultato netto di 2,98 milioni di euro e un fatturato complessivo del gruppo che oggi supera i 300 milioni. ‘Affare.

READ  Gorillaz lascia il mercato italiano e i suoi 540 dipendenti