Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'articolo di Axel Merckx: “Il rischio di burnout è alto”

Con l'avvicinarsi del Giro d'Italia, molti corridori sono scesi dalle montagne dove avevano svolto allenamenti di varia durata. È un processo logico prima di un grande tour. Ma in generale penso che questi soggiorni lunghi e frequenti in aumento siano dovuti soprattutto alla moda. Attenzione: non dico che non sia utile, ovviamente, ma stiamo comunque esagerando. Ha senso che Cian Uijtdebroeks li colpisca tra le sue gare a tappe. È un alpinista e ha già dimostrato che questi soggiorni lunghi e solitari non gli creano alcun problema. Tuttavia, questa tendenza non soddisfa gli interessi di tutti i corridori. Prendi il più giovane! Oggi i diciassette o diciottenni vogliono raggiungere le vette il più rapidamente possibile. Tuttavia, in questa epoca, abbiamo soprattutto bisogno di correre nelle gare, imparare a strofinare, stare in mezzo al gruppo e ridurre il rischio di cadere. Ho appreso che il team di sviluppo Soudal Quick-Step che si schiererà al Baby Giro di inizio giugno non parteciperà ad alcuna gara di maggio perché ha preferito un percorso di allenamento in quota. È una scelta che rispetto ma che non imporrò mai ai giocatori del mio allenatore (Nota del redattore: Hagens Berman Jayco Espoirs). Non conduciamo allenamenti di gruppo in quota. Se un corridore esprime il suo interesse, ne discutiamo con lui e valutiamo i pro e i contro.

I giovani vogliono imitare gli aspetti positivi. Spesso fanno tutto come loro. Sebbene ciò possa consentire ad alcune persone di acquisire abitudini e reazioni di vita sane, questo stile di vita professionale aumenta anche la pressione che esercitano su se stesse. Una cosa è vivere per il ciclismo e avere la passione per questo sport, ma è fondamentale saper mettere le cose in prospettiva. Vedo molti ragazzi che non riescono a capire che non esiste una “carriera”. Lo vedranno come un fallimento. Tuttavia, è importante che comprendano che non tutti otterranno un contratto professionale. Non considerare questo come un ostacolo consentirebbe loro di andare avanti con più calma. Cerchiamo di seguire il più possibile i nostri corridori ed è necessario supervisionarli e parlare con loro. Perché il rischio di burnout è alto tra coloro che esercitano una pressione folle su se stessi e vivono solo per questo. Ha senso voler imitare i propri anziani, ma bisogna saper trovare il giusto equilibrio e tenere i piedi per terra.

READ  I Giochi estivi 2022 si terranno il 9 giugno 2022.