Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Arizona esegue il primo detenuto condannato a morte dal 2014

I servizi carcerari hanno annunciato che Clarence Dixon, 66 anni, membro della tribù Navajo, è morto alle 10:30 ora locale (19:30 ora di Bruxelles) dopo aver ricevuto un’iniezione letale nella prigione di stato di Firenze, hanno detto i servizi carcerari in una dichiarazione. dall’Arizona.

Nel gennaio 1978, ha pugnalato, strangolato e violentato una studentessa di 21 anni, Diana Bowdoin, a Tempe, pochi giorni dopo essere stata condannata per aggressione a causa del suo stato mentale.

Condannato all’ergastolo per violenza sessuale nel 1986, si è sbagliato grazie alle analisi del DNA della morte dello studente.

“Potrei vederti dall’altra parte. Non ti conosco e non mi ricordo di te”, hanno affermato i testimoni citati dalla stampa locale.

I suoi avvocati avevano fatto più appelli, sostenendo che il loro cliente, che era cieco e affetto da schizofrenia paranoica, non capiva perché fosse stato condannato a morte.

Il signor Dixon “vive nella sua testa, vive in fatti paralleli”, ha detto martedì il suo avvocato Eric Zuckerman durante un’udienza davanti alla Corte d’Appello di San Francisco che ha respinto il suo ricorso.

Mercoledì, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto un’ultima richiesta di sospensione dell’esecuzione presentata poche ore prima dell’esecuzione.

L’Arizona ha ripreso le esecuzioni di iniezioni letali dopo una pausa di 8 anni, quando un detenuto soffriva da due ore ed è stato colto da convulsioni dopo aver iniettato 15 dosi del prodotto letale. (

READ  Atroce criminale in Iran: une jeune fille décapitée par son mari pour "l'honneur", ce dernier exhibe la tête