Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’amico di Jean-Luc Hague rivela “Ho cominciato ad affogare” il contenuto di una lettera che avrebbe scritto in prigione | Persone

Lunedì 31 gennaio, Vincent Martin, un caro amico di Jean-Luc Lahaye, era presente nel gruppo TPMP per discutere della reclusione del cantante. Vincent Martin ha confermato di essere venuto in galleria dopo l’ultima lettera inviata dal suo amico dal carcere, in cui stava provocando pensieri suicidi. “Mi ha detto che la morte potrebbe essere la salvezza perché da quattro mesi sbavava da quattro mura quando era ritenuto innocente e non era ancora stato giudicato”, ha detto. Ha spiegato davanti a Cyril Hanouna.

Quindi l’host C8 ha letto un estratto di questo messaggio in onda. “Sono in un vero incubo… sto iniziando ad affondare a poco a poco. Non so quanto durerò. Ogni minuto dura un’ora, viene da chiedersi se la morte non sarà la salvezza”, si può leggere la parola. Poi Vincent Martin ha di nuovo difeso il cantante: “Jean-Luc è un uomo mentalmente abbastanza forte. Voglio anche dire che lo conosco da 25 o 30 anni e l’ho visto spesso con giovani donne, ma erano donne.

Ricordiamo che Jean-Luc Lahai è accusato di aver aggredito sessualmente due ragazze adolescenti, di 15 e 17 anni, a partire dal 2013. È stato incriminato il 5 novembre a Parigi per “stupro, stupro e aggressione sessuale di minori di età superiore ai 15 anni, corruzione dei minori” e abuso di Debolezza. Da allora è stato detenuto. Margot Lahai, sua figlia, Mandato a lui la scorsa settimana A testimoni manomissioni in questo caso.

READ  I fratelli Dardenne: "Se il nostro film potesse far riflettere i decisori europei..."