Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’allenatore dei portieri argentino svela il dietro le quinte dei calci di rigore contro la Francia

Domenica scorsa, l’Argentina si è ubriacata dopo aver dominato la Francia nella finale della Coppa del Mondo al termine dei calci di rigore. Al microfono di Con Vos Radio, l’allenatore dei portieri dell’Abyseleste, Martin Tocalli, rivive questi pochi interminabili minuti che precedono i profumi della gioia argentina.

“Ho detto a Emiliano Martinez (ndr: l’ultimo baluardo argentino) che lo sentivo calmo”, ammette. “È il tuo momento, stai zitto, mi fido di te, stai zitto, starai bene.” Abbiamo già parlato del fatto che non avevano giocatori di bocce che avevamo visto prima, come Koeman, quindi immagino che non ci fosse molto da dire. Mi sentivo davvero calmo e fiducioso intorno a lui, quindi gli ho chiesto di stare zitto, come per dire vai avanti. Alla fine, Martinez avrebbe fermato il tentativo di Kinglessy Coman e l’Argentina avrebbe vinto i calci di rigore 4-2.



Della sua guardia, Martin Tocalli conserva soprattutto la fiducia incrollabile che ha dimostrato. “Era così sicuro di sé, se ne andava sempre da vincitore”, continua Tokali. Sente di poter fare bene e penso che sia parte di ciò che lo aiuta ad arrivare a questo livello. La fiducia è fondamentale, soprattutto nei portieri. »

Durante questa intervista, Tocalli ha anche voluto difendere Martínez, criticato da tutte le parti per il suo comportamento durante i festeggiamenti per la vittoria a Buenos Aires. “Lavorare con lui è facile, ogni giorno rende le cose più facili perché trasmette vibrazioni positive. Emiliano è quello che vedi, non nasconde niente, è lui, può piacere o no. C’è chi può piacere più o meno, ma Emiliano si mostra così com’è”.

READ  Lo standard porta cinque giovani, tre dei quali hanno 16 anni, al campo invernale di Marbella