Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Zakaria Abu Khalil salafita? FRMF presenta un reclamo

Il sito Al-Ashkin ha accusato il giocatore marocchino di promuovere rituali salafiti in generale, soprattutto tra i giocatori della nazionale.

In un comunicato stampa, la Federcalcio marocchina ha negato categoricamente le accuse mosse dal sito web in lingua araba contro il nazionale marocchino Zakaria Abou Khalil. Dopo che un sito web ha pubblicato un articolo riguardante la persona e il comportamento del giocatore della nazionale marocchina Zakaria Abou durante la sua partecipazione con la nazionale ai Mondiali di Qatar 2022, la Federcalcio marocchina nega categoricamente le false accuse nei suoi confronti. in questo articolo”, si legge in un comunicato stampa.

Leggi: I media tedeschi paragonano i giocatori marocchini ai terroristi

Per Al-Ittihad, “il giocatore ha mostrato un comportamento esemplare insieme ai suoi compagni di squadra per ottenere risultati onorevoli con la nazionale in questo evento mondiale”.

E per esprimere la sua “forte condanna degli attacchi lanciati da questo sito alla persona e al comportamento del giocatore Zakaria Abu Khalil, e attraverso di lui la nazionale con tutte le sue componenti”, FRMF annuncia che “adotterà misure legali al fine di proteggere i membri della squadra nazionale di calcio e respingere tutte le false accuse che riguardano il loro comportamento o la loro vita.” individui nell’esercizio delle loro funzioni nazionali.

Da leggere: la serie German Welt si scusa con i giocatori marocchini

Qualche giorno fa il canale tedesco Welt ha accusato di terrorismo diversi giocatori marocchini, il suo presidente, Sabiri e Abu Khalil, perché puntavano il dito indice verso il cielo, in un gesto che è stato accolto con favore dai sostenitori dell’organizzazione terroristica Isis. Di fronte alle proteste scatenate da questo articolo, la serie ha dovuto scusarsi con i giocatori.

READ  Pogacar-Evenepoel, der 'di Pinot, Van Aert: dieci domande per una stagione