Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La vita extraterrestre, se esistesse, sarebbe probabilmente viola, non verde, dicono questi ricercatori

La vita extraterrestre, se esistesse, sarebbe probabilmente viola, non verde, dicono questi ricercatori
Immagine illustrativa Secondo questo studio, se qualsiasi forma di vita extraterrestre avesse un colore, molto probabilmente sarebbe viola.

Immagine illustrativa

Secondo questo studio, se qualsiasi forma di vita extraterrestre avesse un colore, molto probabilmente sarebbe viola.

Spazio – L'immagine classica dei marziani ottiene un altro successo. Se esce verde, il colore che una forma di vita extraterrestre probabilmente mostrerebbe è invece viola. In ogni caso, questo è quanto afferma uno studio pubblicato sulla rivista Avvisi mensili della Royal Astronomical Society. La migliore possibilità di scoprire la vita su un altro pianeta non è cercare il blu (per l'acqua) o il verde (per le piante), ma piuttosto il viola.

Il motivo è semplice. Innanzitutto non dobbiamo immaginare che la possibile vita extraterrestre sia simile a quella presente sulla Terra. Sono pochissime le possibilità di vedere oceani, fiumi, praterie, insomma habitat prettamente terrestri che sono il frutto di miliardi di anni di evoluzione.

Se un giorno esistesse e venisse scoperta, la vita extraterrestre probabilmente assomiglierebbe alla vita per i primi tre quarti della sua esistenza, il che non è molto. La vita in questo momento si accontenta di essere organismi unicellulari. Tra questi batteri, i più resistenti sono i batteri di colore viola.

Il viola è il nuovo verde

Per raggiungere questo risultato, i ricercatori si sono rivolti al monitoraggio dei batteri presenti sulla Terra, in luoghi poveri di ossigeno. Hanno così raccolto una ventina di specie di batteri viola che si trovano in ambienti molto diversi, che vanno dalle paludi alle profondità marine. Una precisazione importante, i cosiddetti batteri viola raccolgono anche altri colori: giallo, arancione, marrone e rosso.

Questi batteri viola prosperano con la luce rossa. Usano il processo della fotosintesi, ma in modo più semplice. In parole povere, questi batteri assorbono la radiazione infrarossa e non producono ossigeno. Queste forme di vita basilari erano probabilmente le più diffuse agli albori della Terra.

“I batteri viola possono prosperare in una vasta gamma di condizioni, rendendoli uno dei principali contendenti per la vita che può dominare una varietà di mondi”.“, ha detto Coelho in a dichiarazione. Un altro vantaggio è che è particolarmente adatto ai pianeti che circondano stelle nane rosse più fredde (che sono le più comuni nella nostra galassia).

“Apriamo semplicemente gli occhi sui meravigliosi mondi che ci circondano.”dice l'astronoma Lisa Kaltenegger, autrice di un libro sull'argomento. “I batteri viola possono vivere e prosperare in una varietà di condizioni, rendendo facile immaginare che su molti mondi diversi, il viola potrebbe essere proprio il nuovo verde”.

Vedi anche su L'Huff Post :