Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La vita è possibile attorno a pianeti senza sole

La vita è possibile attorno a pianeti senza sole

Ce ne saranno miliardi nell’universo. Espulsi dalla loro stella, i pianeti vagavano nel mezzo interstellare. Si chiamano pianeti erranti. E, in determinate condizioni, i satelliti che avrebbero portato con sé nella loro caduta potrebbero ospitare acqua liquida… e persino la vita!

Sarai anche interessato

[EN VIDÉO] Osservazione diretta della formazione dell’esomuna Il gigantesco radiotelescopio ALMA ha catturato la prima immagine diretta della luna…

Perché ci sia vita, deve esserci acqua liquida. Grazie a questo criterio viene determinata la zona abitabile attorno alla stella, che comprende le distanze dalla stella che consentono di mantenere l’acqua allo stato liquido. Ma in alcuni casi il problema si fa più complesso: come i pianeti vaganti. Designano i pianeti espulsi dal loro sistema stellare durante i suoi inizi, a causa dell’instabilità dinamica.

Questo è ciò che potrebbe accadere con il misterioso Pianeta X, ovvero il nono pianeta del sistema solare, la cui esistenza non è stata ancora provata, ma che si trova ben oltre l’orbita di Nettuno. Secondo le ipotesi, sarebbe nato vicino alle orbite di Giove e Saturno, per poi essere espulso durante un’interazione con uno dei giganti gassosi.

Ma nel caso dei pianeti erranti, la distanza è troppo grande perché il pianeta possa andare oltre. E quindi sono destinati a fluttuare nello spazio interstellare. Quindi è difficile immaginare la vita lì. Non c’è fonte di calore o luce: è impossibile trovare acqua liquida lì, figuriamoci vita. Tuttavia… secondo uno studio recentemente pubblicato su Giornale internazionale di astrobiologiapossiamo rilevare tracce di vita non su questi esopianeti, ma sulle esolune che li accompagnano!

Le forze di marea generano abbastanza calore da mantenere l’acqua fluida

Durante l’espulsione, a seconda dell’andamento del pianeta, potrebbe aver già captato i satelliti che lo stanno seguendo durante il suo volo! Se il pianeta è un gigante gassoso sufficientemente massiccio, i suoi satelliti potrebbero avere una massa sufficientemente elevata da avere una struttura ben sviluppata simile a quella dei pianeti rocciosi. Questo è il caso di un gran numero di satelliti di Giove o Saturno, come Europa, Io o Encelado.

READ  Tolisso rassicura la sua forma fisica nonostante l'infortunio "Era più un problema psicologico"

Quindi, affinché sia ​​presente acqua liquida, rimane la questione della provenienza del calore. Tuttavia, non vi è alcuna possibilità dal lato della radiazione stellare. Quindi entrano in gioco le forze di marea. Se l’orbita del satellite è eccentrica (molto ellittica), varia la distanza tra le due stelle, e quindi anche la forza gravitazionale. Gli effetti delle maree tendono quindi a deformare l’esomuna, generando calore al suo passaggio, sufficiente a mantenere l’acqua liquida!

Quindi resta da mantenere quel calore in atto: l’arrivo di un nuovo stato, lo stato dell’atmosfera abbastanza denso e carico di CO2. Ma gli studi hanno dimostrato che le orbite dei satelliti tendono a diventare meno distorte nel tempo, il che riduce la quantità di calore generata dagli effetti delle maree. Questo è ciò che il team di ricerca ha voluto testare, Simulando miliardi di anni di evoluzione dei pianeti erranti e dei loro satelliti. E hanno scoperto che alcune delle lune esterne hanno mantenuto orbite eccentriche per qualche miliardo di anni, abbastanza a lungo perché la vita si evolvesse!