Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La tentazione di mettere alla prova l’Articolo 5 della NATO potrebbe diventare irresistibile per il Cremlino”.

“La tentazione di mettere alla prova l’Articolo 5 della NATO potrebbe diventare irresistibile per il Cremlino”.

Nel 2021 aveva già avanzato le sue richieste per limitare l'influenza della NATO: vietare qualsiasi ulteriore espansione dell'alleanza e qualsiasi attività militare nei suoi Stati membri che precedentemente appartenevano allo spazio sovietico. L'obiettivo di Putin “Non è una guerra fine a se stessa, ma la liquidazione della NATO, la separazione strategica delle due sponde del Nord Atlantico e la riduzione dell’Europa in un gruppo di piccoli stati che Mosca può facilmente controllare e sfruttare l’uno contro l’altro. “Riassume Jean-Sylvestre Mongrenier, direttore della ricerca presso l'Istituto Thomas More. Se la Russia ritiene che attaccare militarmente la NATO sia un modo per raggiungere questo obiettivo, è difficile escludere completamente questo scenario. “È nel campo delle possibilità. In caso di vittoria russa in Ucraina, la probabilità aumenterà notevolmente.questo dottore continua in geopolitica.

“Vladimir Putin è più forte che mai, anche se negli ultimi mesi è stato preso in giro per la sua debolezza”.

Introduzione: sconfitta per l'Ucraina

Molti ricercatori intervistati hanno presentato la sconfitta di Kiev quasi come una condizione Una condizione indispensabile Che Mosca consideri l'apertura di un altro fronte. “Finché l’Ucraina sarà in grado di combattere, la Russia dovrebbe concentrare le sue forze lì”.“Spiega Bruno Leite, professore di relazioni transatlantiche al Collegio d'Europa.Ma se non avrà abbastanza aiuti militari, l’Ucraina sarà costretta a concludere un accordo [avec la Russie]. Questo scenario sarà credibile già alla fine di quest’anno o all’inizio del 2025.

Ciò consentirebbe a Mosca di liberare e reindirizzare le sue forze militari. “Chi può giurare che la Russia – i cui eserciti sono ben addestrati, equipaggiati e riforniti – si accontenterebbe di invadere l’Ucraina?”“, conferma Mongrenier. Secondo Sven Biskup, ricercatore dell'Istituto Egmont, le prossime vittime “ideale” Sarà “Le ex repubbliche sovietiche nel processo di occidentalizzazione”, come la Moldavia o la Georgia, le cui regioni (rispettivamente Transnistria, Ossezia del Sud e Abkhazia) sono già sotto il controllo di Mosca. Entrambi i paesi sono candidati all'adesione all'Unione Europea, il che non piace alla Russia.

bagno privato, “La tentazione di mettere alla prova l’Articolo V della NATO”. [clause de défense collective, NdlR] “Potrebbe diventare irresistibile per il Cremlino in un periodo relativamente breve.” Viene preso in considerazione François Heisbourg. Questo “Al fine di valutare l’unità, la coesione e la reattività degli Stati membri della NATO. Prima di attaccare questa clausola di difesa collettiva, la NATO viene giudicata una “tigre di carta”.Aggiunge il signor Mongrenier.

READ  Quando i soldati russi attaccano ... Soldati russi (VIDEO)

Quando l’Europa vede l’orlo della guerra

Strategia: guerra psicologica

La superiorità militare e tecnologica della NATO è innegabile. Secondo Fabian Hofmann, ricercatore dottorando presso l’Università di Oslo, “I russi sanno che non avranno successo in una lunga guerra. Svilupparono quindi strategie che consistevano nell’intraprendere una guerra veloce, dove la sfida non era combattere, ma soprattutto aumentare la pressione. Sugli alleati. La Russia ne è convinta “L’Occidente non tollera il dolore ed è debole”. E basterebbe romperlo, metterlo giù “La NATO è in una posizione in cui deve sottomettersi o combattere”.. et al “Non appena ci sarà la minima esitazione – e questo è ciò su cui contano i russi – la NATO finirà”.Aggiunge M. Hoffmann.

Concretamente, ci sono diverse linee d’azione che potrebbero servire a questa strategia russa.

Sergei Zhirnov: “La situazione in Russia è tesa. Forse, tra un mese, Vladimir Putin non sarà più al Cremlino”.

Attacchi netti e decisi

Lo scenario citato più frequentemente è una piccola incursione russa nel territorio orientale della NATO, in uno degli stati baltici. L’intera sfida è occupare un’area abbastanza grande da allertare gli alleati, ma abbastanza limitata da far loro dubitare della necessità di una risposta forte. “I decisori russi lo faranno poi notare pubblicamente [aux Occidentaux] “Se qualcuno tenta di riconquistare l’area, passeremo all’escalation nucleare, quindi restatene fuori”.pensò il signor Hoffman.

Mosca potrebbe anche isolare Estonia, Lettonia e Lituania creando un ponte terrestre tra la Russia continentale e la sua enclave di Kaliningrad, attraverso la Bielorussia, il cui dittatore Lukashenko è un burattino di Putin. Ciò include l'occupazione del “corridoio Sualki”, che corre lungo la Lituania da un lato e la Polonia dall'altro, per una distanza di 35 chilometri, dalla Bielorussia a Kaliningrad. Anche il Ministero della Difesa tedesco si sta preparando a questa possibilità, come ha rivelato a gennaio un giornale scandalistico tedesco Immagine. Il documento top-secret trapelato prevede un’escalation delle tensioni attorno ai confini dei Paesi Baltici e della Polonia, in vista di uno scontro diretto tra la NATO e i soldati russi a partire dall’estate del 2025.

READ  Un colpo di stato in Niger: una delegazione dell'Africa occidentale incontra il deposto presidente Mohamed Bazoum

In un rapporto risalente al dicembre 2022, la RAND Corporation, un istituto di ricerca americano, affermava: immaginare Inoltre, Mosca attacca un deposito di munizioni polacco; tre basi aeree in Polonia e Romania; Satellite americano; O sei grandi porti marittimi o basi aeree, tra cui Rotterdam e Ramstein. Tutto questo per protestare contro il sostegno militare fornito dall’Occidente all’Ucraina. “Se i russi sentissero di dover aumentare ulteriormente la pressione, potremmo assistere ad attacchi contro i porti di Rotterdam e altre infrastrutture civili critiche, segnalando alla NATO che la guerra con la Russia è davvero molto costosa”.conferma M. Hoffmann.

Una ragazza in piedi sul sistema di artiglieria semovente Panzerhaubitze 2000 dell'esercito lituano durante una mostra di attrezzature militari a Vilnius, Lituania, venerdì 16 febbraio 2024. © Copyright 2023 The Associated Press. Tutti i diritti riservati.

Attacchi ibridi…

Ma le provocazioni russe potrebbero anche limitarsi a metodi meno drammatici e più ambigui. Le “minacce ibride” sono l’arma perfetta. NATO Specifica Come “attività svolte apertamente o senza l’uso di mezzi militari e non militari: disinformazione, attacchi informatici, pressioni economiche, dispiegamento di gruppi armati irregolari o uso di forze regolari”. Rendendo confuso il confine tra guerra e pace, queste pratiche possono confondere gli alleati sulla gravità di un attacco. “L’espressione ‘guerra ibrida’ ha permesso ad alcuni di ignorarla per qualche tempo: è pericolosa ma non così pericolosa”.“, osserva Jean-Sylvestre Mongrenier.

In effetti, Mosca sta già utilizzando la disinformazione per destabilizzare le società democratiche. Gli attacchi informatici russi contro i paesi della NATO sono esplosi: in Belgio, ad esempio, gli hacker russi si sono recentemente infiltrati in alcuni siti web governativi. Per questi motivi possiamo considerare che la NATO sta già affrontando attacchi russi.

…il che equivarrebbe a prendere di mira le infrastrutture critiche

Ma gli attacchi ibridi non dovrebbero limitarsi al mondo virtuale. Un drone russo non identificato come tale potrebbe prendere di mira infrastrutture strategiche, come cavi Internet, centrali elettriche, un porto o persino un’impresa. “Ciò potrebbe colpire molti paesi della NATO, non solo quelli dell'est. La Russia manterrà l'ambiguità strategica riguardo al suo coinvolgimento. Ma l'attacco c'è.”“, dichiara Bruno Leite. In assenza di un presunto colpevole politico, i paesi presi di mira si trovano di fronte a un'equazione difficile da risolvere: è necessaria una reazione per non apparire deboli e difficili, senza sapere al 100% chi è la colpa. Prendiamo, ad esempio, l’incidente del sabotaggio dei due gasdotti Nord Stream 1 e 2 che collegano la Russia alla Germania: sebbene gli autori rimangano misteriosi, rimangono senza risposta.

READ  Il principe Federico e la principessa Mary di Danimarca ritirano il loro figlio maggiore, il principe Christian, dalla sua scuola dopo uno scandalo sessuale

“Se i russi tagliassero i cavi Internet, non bombarderemo Mosca, ma difficilmente potremmo fare nulla”., riassume il signor Biskup. La Russia ritiene che non avrà altra scelta se non quella di guardare i paesi della NATO dilaniarsi sulla reazione che verrà data e sulla possibilità di applicare o meno l'articolo 5…

E se tutto fosse iniziato da un incidente?

“La probabilità di un’escalation involontaria mi sembra molto più alta”. Tuttavia, Ian Lesser, vicepresidente del Fondo Marshall tedesco e amministratore delegato della sede di Bruxelles, riformula la situazione. Non è considerato “Uno scenario molto credibile che vedrebbe la Russia intraprendere deliberatamente guerre aggressive contro i suoi alleati della NATO”.

Nel 2022, A.J analisi In effetti, il direttore del Centro di Studi Strategici dell’Aja ha immaginato tre tipi di incidenti che avrebbero spinto la NATO e la Russia in conflitto, contro la loro volontà: un’intelligence difettosa che interpretasse i movimenti delle truppe come intenzioni ostili; attacchi russi scarsamente mirati contro le infrastrutture della NATO; Distruzione accidentale dei sistemi C3I (comando, controllo, comunicazione e informazione), che può essere considerata un primo passo prima di un attacco nucleare.

“C’è un alto rischio di una lenta escalation, di errori di giudizio e di incidenti”. Che può ad es “Coinvolge aerei o forze navali. Questo è uno scenario molto reale.” insiste Ian Lesser. ““Ci sono molti posti in cui le cose possono andare storte.” In particolare “Dove le forze russe e quelle della NATO operano in stretta prossimità, come nel Mar Baltico. E se pensiamo anche alla Turchia (membro della NATO, ndr), il pericolo potrebbe estendersi alla Siria o addirittura alla Libia. Queste sono cose ciò potrebbe “Potrebbe sfuggire al controllo e portare le due parti in uno scontro più emozionante”.