Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La straordinaria scoperta di questo osservatorio che potrebbe cambiare le tue abitudini!

La straordinaria scoperta di questo osservatorio che potrebbe cambiare le tue abitudini!

I negozi specializzati offrono anche molti prodotti di origine belga.


di video

Il settore degli alimenti sfusi biologici e speciali ha avuto difficoltà nel 2022, poiché è probabile che l’inflazione e i prezzi dell’energia spingano molti consumatori a rivolgersi ai rivenditori all’ingrosso.

Tuttavia, un paniere di 21 prodotti biologici analizzati da Biowallonia Sector Professionals Networks e ConsomAction ha prodotto un conto quasi identico.

Tuttavia, si notano differenze. Pere, mele, patate, pomodori, porri e cavolo bianco sono meno costosi nei negozi specializzati. Per carote e cipolle beneficia della distribuzione di massa.

Il burro e il formaggio fresco di capra costano meno nei negozi biologici, mentre manzo, maiale e altri latticini costano meno nei supermercati e negli ipermercati.

In termini di origine, l’87% della frutta e della verdura nei negozi specializzati proviene dal Belgio, rispetto al 26% nei supermercati. Per le carni bovine e suine è addirittura al 100% di origine belga contro il 20% dei supermercati. Per i prodotti lattiero-caseari, il 92% di origine belga si trova nei negozi specializzati rispetto al 50% nei supermercati.

Anche le reti rappresentative del settore biologico e sfuso si vantano di non utilizzare praticamente imballaggi, in netto contrasto con le pratiche di distribuzione di massa.

Infine, i negozi specializzati “offrono un modello per sostenere l’agricoltura locale e la lavorazione artigianale belga favorendoli sui loro scaffali e distribuendo il margine in modo più equo su tutta la filiera”, accolgono gli autori dell’osservatorio, che sarà rinnovato trimestralmente.

READ  TotalEnergie: i sindacati denunciano lo scenario "à la Delhaize".

L’esercizio è stato condotto sulla base dei prezzi registrati in 58 punti vendita biologici, all’ingrosso e alla stalla a Bruxelles e in Vallonia, ovvero il 12% del settore nel suo complesso. Questi prezzi rilevati da Socupro sono stati confrontati nelle tre principali catene di distribuzione belghe.