Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Grande cambiamento sugli scaffali di Aldi: “Come risultato dei cambiamenti nel comportamento dei consumatori”

Grande cambiamento sugli scaffali di Aldi: “Come risultato dei cambiamenti nel comportamento dei consumatori”

Pertanto, questi prodotti avranno lo stesso imballaggio anche in Belgio, come nei Paesi Bassi o in Spagna, ad esempio. “Questa strategia è una continuazione della riduzione del numero dei nostri marchi, da 160 a 55. L'obiettivo è ridurre i nostri costi per garantire il prezzo più basso possibile.”

Anche il consumatore può trarne vantaggio. “È troppo presto per dire se questa strategia ridurrà i prezzi sugli scaffali. Ciò potrebbe anche aiutare a mantenere i prezzi sugli scaffali in caso di aumento dei costi di produzione.

Tutti i prodotti disponibili nei diversi supermercati Aldi Nord diventeranno quindi più standardizzati, ma ci saranno comunque delle peculiarità, garantisce Aldi. “Se prendiamo il detersivo in polvere, ad esempio, ciò che conta per i consumatori qui o all'estero è che lavi i vestiti correttamente. Quindi possiamo trovare una gamma uniforme, ma questo dipenderà anche dalle aspettative dei consumatori. Se il belga è associato all'odore di un determinato detersivo per il bucato, controlleremo che lo troverà anche sugli scaffali.D'altro canto, quando si tratta di prodotti freschi, ci sono chiare aspettative da parte dei consumatori belgi, che desiderano carne belga e frutta e verdura locali, quando sono disponibili in stagione. Pensiamo anche alla nostra sezione vini, dove sarà collocata la maggior parte dei nostri acquirenti belgi, perché i belgi hanno una preferenza molto chiara per il vino. Pertanto, questi acquisti rimarranno locali, poiché ALDI Belgio si occupa della acquisti. Come ad esempio le lasagne di Casa Morando: la ricetta è talmente apprezzata in Belgio che non la internazionalizzeremo. Se la nostra ricetta belga fosse apprezzata anche in altri paesi, prima o poi potrebbe arrivare anche lì. Quindi la cooperazione internazionale prevede anche opportunità, perché impariamo gli uni dagli altri.

READ  Salmonella: Barry Callebaut è l'80% di cioccolato belga, il 20% a livello globale e la più grande fabbrica di cioccolato del mondo

In conclusione, i cambiamenti saranno rilevanti soprattutto a livello di packaging. “La gamma stessa sarà leggermente diversa e, se aggiungiamo o rimuoviamo un prodotto, non sarà il risultato diretto della nuova politica di acquisto, ma piuttosto il risultato di cambiamenti nel comportamento dei consumatori. È qualcosa che stiamo facendo e continueremo fare.”