Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La storia ci osserva”, afferma Joe Biden dopo una serie di sanzioni contro la Russia.

“La storia ci osserva”, afferma Joe Biden dopo una serie di sanzioni contro la Russia.

Joe Biden venerdì ha annunciato la più grande serie di sanzioni statunitensi dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina due anni fa, e si prevede che altre seguiranno. Ha anche invitato il Congresso a fornire aiuti all'Ucraina.

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato durante un discorso pronunciato alla Casa Bianca: “La storia ci guarda. Il tempo stringe”.

“Non possiamo voltare le spalle adesso” all’Ucraina, ha avvertito, sottolineando che Vladimir Putin “conta su questo”.

Di fatto, 60 miliardi di dollari in aiuti militari sono stati bloccati al Congresso, a causa dell’opposizione di Donald Trump, che sta usando la sua influenza sui funzionari eletti repubblicani per contrastare il disegno di legge.

L’America inserisce nella lista nera 14 petroliere russe

Venerdì scorso, l’amministrazione Biden ha reso pubblica la più grande serie di sanzioni imposte dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio 2022, nonché in risposta alla morte del leader dell’opposizione Alexei Navalny.

John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha affermato che questo è “solo l'inizio”. Ha aggiunto: “Potete contare su ulteriori misure da parte del governo per ritenere il Cremlino responsabile della morte di Navalny”.

Il Dipartimento del Tesoro e il Dipartimento di Stato hanno preso di mira più di 500 individui e organizzazioni rispettivamente in 11 e 26 paesi (tra cui Cina e Germania), congelando i loro beni negli Stati Uniti e limitando il loro accesso ai visti.

Il Ministero degli Affari Esteri ha annunciato che tra loro c'erano tre funzionari russi, coinvolti nella morte di Alexei Navalny.

Separatamente, il Ministero del Commercio ha aggiunto 93 aziende alla sua lista nera.

READ  In Francia c'è una moschea e due centri turchi decorati con le croci di Lorena

Ciò porta a oltre 4.000 il numero di entità prese di mira dalle sanzioni statunitensi dall’inizio della guerra.

Fuga dalle sanzioni

“Se Putin non paga il prezzo della morte e della distruzione che sta provocando, andrà avanti”, ha avvertito oggi Joe Biden.

L’obiettivo di queste sanzioni: limitare le risorse finanziarie a disposizione del governo russo per finanziare la guerra contro l’Ucraina, iniziata appena due anni fa, il 24 febbraio 2022.

Nella lunga lista figurano aziende tecnologiche nei settori dei semiconduttori, dell'ottica, dei droni, dei sistemi informativi e persino dell'Istituto di matematica applicata.

Ma anche il sistema di pagamento russo Mir, il cui sviluppo ha consentito alla Russia di costruire un’infrastruttura finanziaria che le consenta di eludere le sanzioni e di ricostruire i legami interrotti con il sistema finanziario internazionale, secondo il Ministero del Tesoro americano.

Sviluppate nel 2015 a fronte delle sanzioni occidentali dopo l’annessione della Crimea nel 2014, le carte Mir consentono ai russi di effettuare pagamenti e prelevare denaro in alcuni paesi stranieri.

“Il futuro del popolo russo”

Sono state imposte sanzioni anche alla compagnia di navigazione nazionale russa Sovcomflot e a 14 petroliere della “flotta fantasma” russa, che Mosca utilizza per aggirare il limite di prezzo del suo petrolio, in vigore dal dicembre 2022 da una coalizione di paesi occidentali.

L’obiettivo di questo meccanismo è costringere la Russia a vendere il suo petrolio a questi paesi a un prezzo inferiore, “per limitare i profitti del Cremlino rafforzando al tempo stesso la stabilità dei mercati energetici”, secondo il vice segretario del Tesoro americano, Wally Adeyemo. Citato da un comunicato stampa.

Washington ha anche messo in guardia dalle continue sanzioni “contro le persone, ovunque si trovino, che consentono alla Russia di riconnettersi con i mercati finanziari globali utilizzando canali illeciti”.

READ  Il drone dell'esercito americano torna sulla Terra dopo 908 giorni nello spazio

Perché nonostante le numerose sanzioni occidentali, la Russia ha registrato nel 2023 una crescita del PIL del 3,6%, grazie agli ordini di munizioni e armi.

Joe Biden critica Donald Trump: “Questa parola che ha usato mi ricorda il linguaggio sentito nella Germania nazista negli anni ’30”

Per il segretario al Tesoro americano Janet Yellen, Vladimir Putin “ipoteca il presente e il futuro del popolo russo” e “il Cremlino sta scegliendo di reindirizzare la propria economia verso la produzione di armi per uccidere i suoi vicini il più rapidamente possibile, a scapito” della situazione economica. futuro della sua popolazione.

Sanzioni e annunci si sono moltiplicati nei paesi occidentali con l’avvicinarsi del secondo anniversario dell’invasione dell’Ucraina.

I paesi dell’Unione Europea hanno così concordato il tredicesimo pacchetto di sanzioni, mentre il Regno Unito ha adottato misure contro più di cinquanta persone e aziende e ha annunciato la consegna di nuove spedizioni di missili agli ucraini.

Il presidente francese Emmanuel Macron organizza lunedì a Parigi un incontro a sostegno dell’Ucraina con diversi capi di Stato e di governo o i loro rappresentanti ministeriali.