Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La solidarietà europea con l’Ucraina mostra crepe

La solidarietà europea con l’Ucraina mostra crepe

La solidarietà europea con l’Ucraina è stata danneggiata. Gli ambasciatori dei ventisette devono decidere questo venerdì mattina di prorogare di un anno la procedura temporanea per l’abolizione di quote e dazi sui prodotti ucraini in ingresso nell’Unione europea. Ma cinque paesi dell’Europa centrale e orientale – Polonia, Ungheria, Slovacchia, Bulgaria e Romania – si rifiutano di accettare. In questione: ancora e ancora la questione dei disordini causati dall’eccessiva abbondanza di cereali e prodotti alimentari ucraini che invadono i suoi mercati nazionali. Per aggirare il blocco russo che impedisce all’Ucraina di esportare attraverso il Mar Nero, l’Unione ha costruito corridoi per portarli negli Stati membri vicini, da dove dovrebbero essere riesportati. Tuttavia, i paesi di transito sono diventati prodotti di destinazione.

Inoltre, da metà aprile, questi cinque paesi hanno deciso unilateralmente di adottare misure per limitare le importazioni di cereali e prodotti alimentari ucraini, contrariamente al diritto dell’Unione: il commercio è una giurisdizione europea esclusiva esercitata dalla Commissione.

L’Unione Europea condanna gli embarghi “inaccettabili” imposti ad alcuni Stati membri,

Per placare le legittime preoccupazioni di questi paesi e convincerli a revocare le misure illegali, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha promesso che condivideranno 100 milioni di euro della riserva di crisi destinata ad aiutare gli agricoltori, che si aggiungeranno ai 56,3 milioni già . Pagato a marzo. La proposta solleva le sopracciglia di altri Stati membri che sottolineano che i paesi che hanno adottato misure illegali saranno quindi “premiati”.

La Commissione europea sta lottando per ripristinare il transito del grano ucraino attraverso l’Unione

Inoltre, per evitare che la situazione si ripeta, è già stato concordato che la Commissione attiverà le garanzie previste dal rinnovo dell’accordo di liberalizzazione commerciale con l’Ucraina, inclusa la possibilità di ripristinare quote e tariffe. Si tratta anche di una migliore distribuzione del passaggio dei prodotti ucraini tra i ventisette. molto felice? NO.

READ  Guerra in Ucraina: le regioni meridionali e orientali sotto il fuoco dei bombardamenti pesanti (LIVE)

“La decisione va presa”

Al momento della stesura di questo articolo, l’obiezione delle cinque nazioni non era stata ancora revocata. “niente si muove”sospira un diplomatico europeo. La Polonia, in particolare, è inflessibile, mentre in altri ambiti è comunque uno dei Paesi più progressisti in difesa dell’Ucraina. L’opposizione particolarmente polacca può essere spiegata da Problemi di politica internaNota un altro diplomatico europeo. In Polonia si voterà già in autunno e per il partito Legge e Giustizia (PiS) al potere il mondo agricolo è terreno fertile per le elezioni.

Tuttavia, il tempo stringe per sigillare l’accordo a livello europeo: gli aumenti delle quote e delle tariffe devono essere prorogati entro il 5 giugno e il Parlamento europeo deve poter votare l’accordo durante la sessione plenaria di inizio maggio. Una decisione deve essere presa venerdì.insiste la prima fonte diplomatica.

Come regola molto generale, le decisioni sono prese per consenso in seno al Comitato dei rappresentanti permanenti dell’Unione europea e raramente vengono votate. Ognuno, però, ha fatto i suoi calcoli, e osserva che tra di loro le nazioni insorgenti non costituiscono una maggioranza ostruzionista. La presidenza svedese del Consiglio della Federazione non dovrebbe pertanto esitare, se necessario, a ricorrere al voto a maggioranza qualificata.

Si otterrà la cosa principale: l’ampliamento del libero accesso al mercato europeo. Tuttavia, la facciata della solidarietà europea mostra delle crepe.