Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scoperta di fossili nell’armadio della scorta spinge l’origine della moderna lucertola indietro di 35 milioni di anni

Un esemplare recuperato da un armadio del Natural History Museum di Londra ha dimostrato che le lucertole moderne hanno avuto origine nel Triassico superiore e non nel Giurassico medio come si pensava in precedenza.

Questi parenti fossilizzati di lucertole viventi come lucertole monitor, mostri di gila e orbettini sono stati identificati in una collezione museale conservata negli anni ’50, inclusi esemplari provenienti da una cava vicino a Tortworth nel Gloucestershire, nel sud-ovest dell’Inghilterra. La tecnologia non era allora lì per mostrare le sue caratteristiche contemporanee.

In quanto lucertola moderna, il nuovo fossile influenza tutte le stime sull’origine di lucertole e serpenti, che sono chiamati collettivamente Squamata, e influenza le ipotesi sui loro tassi di evoluzione, e persino il principale catalizzatore per l’ascendenza del gruppo.

Il team, guidato dal dottor David Whiteside della School of Geosciences di Bristol, ha definito la loro scoperta sorprendente Cryptovaranoides microlanius Significa “piccolo macellaio” in onore delle sue mascelle piene di denti affilati e taglienti.

Il dottor Whiteside ha spiegato: “Ho individuato per la prima volta l’esemplare in un armadio pieno Clevosauro Scavi nelle riserve del Natural History Museum, Londra, di cui sono partner scientifico. Era un rettile fossile abbastanza comune, un parente stretto del tuatara neozelandese ed è l’unico sopravvissuto del gruppo, Rhynchocephal, che si separò dalla cavalletta più di 240 milioni di anni fa.

“Il nostro campione è stato semplicemente classificato”Clevosauro e altri rettili. Mentre continuavamo a indagare sull’esemplare, ci convincemmo sempre più che fosse in realtà più strettamente imparentato con le lucertole moderne rispetto al gruppo Tuatara.

Abbiamo passato ai raggi X i fossili all’università, e questo ci ha permesso di ricostruire il fossile in tre dimensioni, e di vedere tutte le piccole ossa che erano nascoste all’interno della roccia. »

READ  macOS 12.3 corregge i bug delle batterie Bluetooth per i MacBook

Criptofaranoidi Sono chiaramente squamosi perché differiscono dalla rincocefalia nel puzzle, nelle vertebre del collo, nella regione della spalla, dalla presenza di un dente superiore e mediale nella parte anteriore della bocca e dal modo in cui i denti sono disposti su mensole nelle mascelle (piuttosto che fuso nell’apice delle mascelle) e nella struttura del cranio Come se non ci fosse una barra temporale inferiore. C’è solo una caratteristica primitiva importante che non si trova nei crostacei moderni, ed è un’apertura su un lato dell’estremità dell’osso del braccio, l’omero, dove passano l’arteria e i nervi. Criptofaranoidi Ha altri caratteri apparentemente primitivi come poche file di denti sulle ossa del tetto della bocca, ma gli esperti hanno osservato lo stesso nella lucertola di vetro europea vivente e molti serpenti come boa e pitoni hanno diverse file di grandi denti in la stessa zona. Nonostante ciò, è avanzato quanto la maggior parte delle lucertole viventi nel suo puzzle, e le connessioni ossee nel cranio indicano che era flessibile.

“In termini di significato, i nostri fossili spostano l’origine e la diversificazione delle scale dal Giurassico medio al Triassico superiore”, afferma il coautore professor Mike Benton. “È stato un periodo di grande ristrutturazione degli ecosistemi terrestri, con l’emergere di nuovi gruppi di piante, in particolare conifere moderne, nonché nuove specie di insetti e alcuni dei più antichi gruppi moderni come tartarughe, coccodrilli, dinosauri e mammiferi.

Quindi il quadro viene completato aggiungendo le cupole più antiche. Queste nuove piante e animali sembrano essere emersi come parte di un’importante ricostruzione della vita sulla Terra dopo l’estinzione di massa alla fine del periodo Permiano 252 milioni di anni fa, e in particolare dell’anello Carnico-Pluviale. , 232 milioni di anni fa, quando i climi oscillavano tra umido e secco e causarono gravi sconvolgimenti alla vita. »

READ  Motorola annuncia Moto G22 con foto di abbigliamento 50 MP, écran 90 Hz et plus

La dottoranda Sophia Champy-Trowell ha commentato: “Il nome del nuovo animale, Cryptovaranoides microlaniusE il Riflette la natura nascosta della Bestia nel cassetto, ma riflette anche il suo potenziale stile di vita, vivendo in fessure nel calcare su piccole isole che esistevano intorno a Bristol all’epoca. Il nome della specie, che significa “piccolo macellaio”, si riferisce alle sue mascelle piene di denti aguzzi e affilati e si dice che preda di artropodi e piccoli vertebrati. »

Il dottor Whiteside ha concluso: “Questo è un fossile molto speciale ed è probabile che diventi uno dei fossili più importanti scoperti negli ultimi decenni. È una fortuna che sia conservato in una collezione nazionale, in questo caso il Natural History Museum di Londra. Vorremmo ringraziare la defunta Pamela L. Robinson che ha tirato fuori i fossili dalla cava e ha fatto un sacco di lavoro preparatorio sull’esemplare tipo e sulle ossa associate. È un peccato che non abbia avuto accesso alla tecnologia di scansione CT per aiutarla osservare tutti i dettagli dell’esemplare.”