Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia ha colpito nel bel mezzo di elezioni presidenziali controverse

La Russia ha colpito nel bel mezzo di elezioni presidenziali controverse

Ti sei perso gli ultimi eventi legati alla guerra in Ucraina? 20 minuti Fa l'inventario per te ogni sera alle 19:30. Tra dichiarazioni forti, progressi sul fronte e risultati delle battaglie, ecco i momenti salienti della giornata.

La realtà di oggi

Le regioni russe al confine con l'Ucraina sono state nuovamente colpite sabato nel bel mezzo delle elezioni presidenziali, attacchi che hanno causato la morte di almeno due persone e Vladimir Putin, che ha promesso una rielezione vittoriosa, ha promesso di rispondere.

A Belgorod, città molto vicina all'Ucraina e spesso presa di mira, “due persone sono state uccise, un uomo e una donna”, ha annunciato il governatore dell'omonima regione, Vyacheslav Gladkov, aggiungendo che otto missili sono caduti e loro sono rimasti uccisi. Secondo lui, l'uomo è morto nello scontro con il suo camion e la donna è rimasta uccisa nel parcheggio. Il figlio di quest'ultimo è rimasto gravemente ferito e i medici “lottavano per la sua vita”. Altre due persone sono rimaste ferite.

A causa di questi attacchi, i centri commerciali di Belgorod rimarranno chiusi per due giorni, così come le scuole della città e di diversi quartieri. Il governatore ha annunciato nel pomeriggio che le difese aeree hanno abbattuto altri quindici missili mentre si avvicinavano alla città. Il presidente Putin ha sottolineato venerdì che gli attacchi ucraini sul territorio russo non rimarranno “impuniti”.

La dichiarazione di oggi

Vorrei congratularmi con Vladimir Putin per la sua schiacciante vittoria elettorale »

La frase, piena di sarcasmo, è stata firmata dal belga Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, sulla piattaforma X (ex Twitter). “Non c'è opposizione. Non c'è libertà. Non c'è scelta”, ha aggiunto in un messaggio ampiamente condiviso. Anche se il risultato del voto non sarà noto prima di domenica, la vittoria di Vladimir Putin, al potere da 24 anni, non ha dubbi perché non corre nessun vero avversario.

READ  "Inizieranno a bombardare": a Kherson i residenti temono la rabbia russa

Il numero di oggi

quindici. Da venerdì diverse regioni russe hanno subito almeno un tentativo di deturpare un seggio elettorale, secondo quanto riportato dal mezzo investigativo russo non vicino alle autorità, Muzahim Opyasnet. Fino a venerdì, una quindicina di persone erano state arrestate in diverse città per aver versato vernice nelle urne elettorali, lanciato una bottiglia molotov contro un seggio elettorale o dato fuoco a una cabina elettorale. Secondo le autorità, alcuni di loro rischiano fino a cinque anni di carcere con l'accusa di aver ostacolato il processo elettorale.

Inclinazioni

L'organizzazione delle elezioni presidenziali russe nei territori ucraini annessi non gode infatti di un grande consenso nella comunità internazionale. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e decine di Stati membri hanno condannato lo svolgimento di queste elezioni in queste zone.

“Il Segretario generale condanna gli sforzi della Federazione Russa per tenere le elezioni presidenziali nelle regioni dell'Ucraina occupate dalla Federazione Russa. Ha osservato che il tentativo illegale di annettere regioni dell'Ucraina non è legittimo secondo il diritto internazionale.

Il nostro dossier sulla guerra in Ucraina

Ha inoltre dichiarato, in un testo congiunto letto dall’ambasciatore ucraino Sergey Kyslytsya, che “l’organizzazione di elezioni in un altro Stato membro delle Nazioni Unite senza la sua approvazione costituisce una chiara violazione dei principi di sovranità e integrità territoriale”. Regno Unito, Giappone, Australia e persino Corea del Sud…

Il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite Dmitry Polyansky ha risposto dicendo: “La nostra causa è giusta e vinceremo”, sottolineando che queste terre “fanno parte del nostro paese amministrativamente e politicamente, che vi piaccia o no”.

READ  Il passato coloniale olandese: polemica sulle cerimonie commemorative del 78° anniversario della fine della seconda guerra mondiale