Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La ribellione repubblicana potrebbe causare la sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali

La ribellione repubblicana potrebbe causare la sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali

Martedì abbiamo votato in cinque stati, tre dei quali sono “swing states”, e non ultimi: Arizona, Florida e Ohio (gli altri due stati votano fortemente democratici, nel caso dell’Illinois, e repubblicani nel Kansas). ). Se la Florida e l’Ohio hanno favorito equamente Donald Trump nel 2016 e nel 2020 (dopo aver eletto Barack Obama nel 2008 e nel 2012), l’Arizona ha creato scompiglio quattro anni fa consegnando a Trump una vittoria inaspettata (e contestata) per Joe Biden.

Donald Trump: Se non sarò eletto, sarà un massacro per gli Stati Uniti

Un elettore su cinque è contro Trump

È quindi interessante notare che martedì un partecipante su cinque alle primarie repubblicane in Arizona, Florida, Illinois e Ohio ha votato per un candidato diverso da Donald Trump. Il rapporto era di uno su quattro in Kansas. Il rifiuto è stato ancora più sorprendente perché da quando Nikki Haley si è ritirata il giorno dopo il Super Tuesday del 5 marzo, l'ex presidente ufficialmente non ha più sfidanti nella corsa alle nomination.

Naturalmente, il voto anticipato può fornire parte della spiegazione: molti elettori hanno fatto le loro scelte prima che la signora Haley si ritirasse. Ma solo in parte perché, ad esempio in Ohio, la metà dei primi voti sono stati espressi dopo la sua scomparsa. La partecipazione degli elettori indipendenti, anche democratici, alle primarie cosiddette “aperte” potrebbe completare la spiegazione, ma, ancora una volta, solo parzialmente. Così in Florida si sono svolte primarie “chiuse”, riservate solo agli elettori registrati come repubblicani. Ma in questa consultazione, il 19% degli elettori non ha sostenuto Donald Trump.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: Blinken chiede alla Cina di dissuadere l’Iran dal lanciare attacchi contro Israele

Molto peggio di Joe Biden

Gli osservatori sottolineano quindi la continua e significativa opposizione al candidato nominato dal GOP, anche se i sondaggi indicano che il 75% degli elettori alle primarie voterà “sicuramente” per Donald Trump, e il 9% voterà “probabilmente”. Sottolineano inoltre che tale resistenza è più forte nel campo repubblicano che tra i democratici, dove Joe Biden deve affrontare in media solo un elettore su dieci. Inoltre, il presidente uscente sta cercando di riconquistare l’elettorato rassicurandolo sulla sua età in filmati elettorali ben filmati, o riorientando la sua politica mediorientale, fonte di aspre critiche da parte della sua sinistra.

In questo contesto, ci chiediamo: quale ruolo possono svolgere le figure del Partito Repubblicano nella mobilitazione degli elettori? Alcuni hanno già preso posizione contro Donald Trump. Pecore nere come Liz Cheney, figlia dell'ex vicepresidente George W. Bush, repubblicani moderati come il senatore Mitt Romney, ma anche conservatori intransigenti come Mike Pence. Dopo l'attacco al Campidoglio, durante il quale i sostenitori del presidente dichiararono di voler impiccare il vicepresidente, Pence ha litigato irrimediabilmente con l'uomo che ha docilmente sostenuto per quattro anni. Tuttavia, una rottura così radicale tra due ex compagni di corsa è estremamente rara e a noi interessa misurarne l’impatto.

Trump spiega le ragioni delle sue recenti minacce alla NATO e se ne vanta

Fluttuazioni inaspettate

Al contrario, Donald Trump può contare su un sostegno apparentemente sorprendente, proveniente da persone che ha stremato, persino umiliato. La posizione di Mitch McConnell, leader della minoranza al Senato, il cui sostegno è diventato ancora più sorprendente da quando il senatore del Kentucky ha annunciato che avrebbe rinunciato a tutte le sue responsabilità alla guida del Partito repubblicano a novembre, e quindi non lo ha fatto. Non è prevista alcuna ricompensa. Chris Sununu, governatore del New Hampshire, era un feroce oppositore dell'ex presidente e inizialmente favorì Nikki Haley alle primarie. O, cosa ancora più sconcertante, Brian Kemp, il governatore della Georgia, che ha rifiutato di sottoscrivere il mito delle “elezioni rubate” ed è stato sottoposto in cambio a una raffica di fuoco verde, con Donald Trump che lo ha definito “un voltagabbana” e un “codardo”. ” “Il disastro completo.”

READ  La guerra in Ucraina: l'Assemblea generale delle Nazioni Unite chiede un ritiro "immediato" delle forze russe

Resta da vedere come si tradurranno queste diverse posizioni, soprattutto se gli oppositori di Donald Trump chiederanno un voto a favore di Joe Biden o si accontenteranno di astenersi dal voto. L’ostilità verso l’ex presidente sarà emulata, più esplicita che nel 2020 e ricordando il 2016, quando l’establishment repubblicano boicottò la convention di Cleveland, provocando un massiccio disconoscimento degli elettori? Un fenomeno del genere potrebbe avere conseguenze decisive per le elezioni presidenziali, che potrebbero ancora una volta essere decise da poche decine di migliaia di voti in una manciata di Stati chiave.