Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La missione è appena iniziata!

La missione dell’agenzia spaziale statunitense, soprannominata DART (dart, in inglese) è decollata dalla base di Vandenberg a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 alle 06:21 GMT, secondo le immagini trasmesse in diretta dalla NASA.

È uno scenario degno di Hollywood, ma molto reale: abbattendo una nave a 24.000 km/h contro un asteroide, la NASA spera di aggiustare la sua rotta e quindi aiutare l’umanità a proteggersi da una potenziale collisione in futuro.

Questo test “sarà storico”, ha detto in una conferenza stampa Tom Statler, uno scienziato della NASA coinvolto nella missione. “Per la prima volta, l’umanità cambierà il movimento di un globo naturale nello spazio”.

Questa è solo una prova, l’asteroide bersaglio non è una minaccia per la Terra. Ma l’agenzia spaziale statunitense prende molto sul serio questo obiettivo.

Thomas Zurbuchen, direttore delle missioni scientifiche della NASA, ha rassicurato che attualmente elenca poco più di 27.500 asteroidi di tutte le dimensioni vicino alla Terra e “nessuno di loro rappresenta una minaccia nei prossimi 100 anni”.

Ma gli esperti stimano di essere a conoscenza solo del 40% degli asteroidi che misurano 140 metri o più – quelli in grado di distruggere un’intera regione – e la maggior parte di essi deve ancora essere scoperta. Quindi l’idea è di sviluppare una tecnologia per proteggersi in caso di una minaccia futura.

La missione, soprannominata DART (dart, in inglese), decollerà dalla base di Vandenberg, in California, a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9, alle 22:21 ora locale martedì (6:21 GMT mercoledì).

Poche ore prima del decollo, le condizioni meteorologiche sono rimaste favorevoli per il lancio puntuale, secondo i tweet di SpaceX.

READ  La missione Crew-3 della NASA vola sulla Stazione Spaziale Internazionale

10 minuti brevi

La nave è più piccola di un’auto, affiancata da due alti pannelli solari. È previsto che il prossimo autunno, entro dieci mesi, colpisca un asteroide delle dimensioni di un campo da calcio (circa 160 metri di diametro), che poi cadrà a 11 milioni di chilometri dalla Terra.

L’asteroide si chiama Demorphos ed è in realtà una luna in orbita attorno a un asteroide più grande, Didimo (780 metri di diametro).

Per orbitare attorno al grande asteroide, Dimorphos impiega attualmente 11 ore e 55 minuti. Gli scienziati prevedono di ridurre la sua orbita di circa 10 minuti.

Tom Statler ha spiegato: “È un cambiamento molto semplice, ma potrebbe essere tutto ciò di cui abbiamo bisogno per deviare la rotta di collisione di un asteroide con la Terra, se necessario, a condizione che lo individuiamo abbastanza presto”.

L’esatto effetto che avrà la collisione è al momento sconosciuto perché dipende proprio dalla composizione dell’asteroide.

Questo esatto cambiamento di traiettoria, che sarà poi misurato con telescopi dalla Terra, è ciò che gli scienziati vogliono determinare. I risultati verranno utilizzati nei calcoli per aiutare a determinare quanta massa dovrebbe essere rilasciata contro un particolare tipo di asteroide per causare una deflessione sufficiente in futuro.

Esplosione

Dimorphos è fatto di hard rock o più poroso? Gli scienziati non lo sanno e l’asteroide non apparirà nelle immagini trasmesse dalla nave fino a un’ora prima della collisione. La sua forma, rotonda o oblunga, sarà visibile solo un paio di minuti fa.

Poi l’esplosione, poi il silenzio radio.

Le seguenti immagini proverranno da un piccolo satellite sviluppato dall’Agenzia Spaziale Italiana. Sarà varato dalla nave principale dieci giorni prima della collisione.

Tre minuti dopo la collisione, sorvolerà Demorphos, per osservare l’impatto dell’impatto e, con un po’ di fortuna, il cratere in superficie.

Anche l’orbita del grande asteroide Didymos attorno al Sole può essere leggermente modificata, a causa della relazione gravitazionale della sua luna. Ma troppo poco per misurare il cambiamento. Quindi non c’è alcuna possibilità che l’asteroide venga posizionato su un percorso nuovo e potenzialmente pericoloso per il pianeta blu.

Il costo totale della missione, il primo lancio interplanetario di Elon Musk per la NASA, è di 330 milioni di dollari.

Sono allo studio altre tecniche di deviazione degli asteroidi. Ad esempio effettuando un’esplosione nucleare nei pressi di uno di essi, non per distruggerlo ma per deviarne la rotta con il rinculo. Anche la forza gravitazionale di una nave che vola vicino a un asteroide può essere utilizzata per molto tempo.

Ma la tecnologia testata qui, nota come effetto cinetico, è di gran lunga la più matura. A patto che si dimostri durante questa prova.