Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La maggior parte dei veicoli sulle nostre strade emettono la stessa quantità di anidride carbonica di quanto ne emettevano… 12 anni fa

La maggior parte dei veicoli sulle nostre strade emettono la stessa quantità di anidride carbonica di quanto ne emettevano… 12 anni fa

Nonostante le rigide normative e una volontà di ferro, il parco auto europeo sembra stagnare, emettendo la stessa quantità di anidride carbonica di dieci anni fa, o più precisamente di 12 anni fa. Tuttavia, i veicoli elettrici, considerati una potenziale soluzione, si trovano ad affrontare sfide enormi.

“Dobbiamo raggiungere la parità di prezzo tra auto termiche ed elettriche il più rapidamente possibile”.

Progressi insufficienti

Dal 2010, l’Unione Europea ha imposto obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 per le nuove auto. Ogni casa automobilistica deve dichiarare le emissioni dei propri veicoli e pagare un premio se le superano. Nonostante la revisione al rialzo di queste ambizioni, la realtà rimane amara. Le auto termiche, che ancora dominano il mercato, frenano seriamente il progresso. “La rivoluzione verde dell'UE sarà possibile solo se ridurremo significativamente il numero di veicoli inquinanti. Tuttavia, sostituire l'intera flotta con auto elettriche è un compito arduo.Pietro Russo dice.

Nel rapporto vengono particolarmente sottolineate le case automobilistiche. Come lo scandalo Volkswagen, alcuni hanno storicamente sfruttato le lacune nei test sulle emissioni, creando un enorme divario tra i risultati di laboratorio e le emissioni effettive. Nonostante siano state adottate misure per rendere i test più rappresentativi, soprattutto dopo lo scandalo “dieselgate”, secondo la Corte dei conti europea le emissioni effettive non sono diminuite in modo significativo.

Il 2024 sarà l’anno della rivoluzione delle batterie?

Ibrido ed elettrico, quando ci sarà un barlume di speranza?

Anche le auto ibride, spesso presentate come un'alternativa ecologica, secondo gli ascoltatori non offrono una soluzione miracolosa. I loro veri programmi radiofonici.“Spesso sono molto più alti di quelli registrati in laboratorio.”Ciò è in parte dovuto all’utilizzo teorico di motori elettrici e termici, che sarà modificato solo nel 2025.

READ  A partire dal prossimo anno, pagherai alcune delle tasse più costose

Tuttavia, l’aumento delle immatricolazioni di veicoli elettrici rappresenta un barlume di speranza. È passato da 1 su 100 nel 2018 a quasi 1 su 7 nel 2022 e ha contribuito a un calo delle emissioni medie. Tuttavia, il processo di transizione è ostacolato da diversi ostacoli.

A partire dall’accesso alle materie prime necessarie alla produzione delle batterie. “La Corte ha recentemente espresso preoccupazione anche per la mancanza di infrastrutture di ricarica: il 70% delle stazioni di ricarica delle batterie delle automobili nell’UE sono concentrate in soli tre Stati membri (Paesi Bassi, Francia e Germania).” Anche il costo resta un grosso vincolo: prezzi più alti per i veicoli elettrici potrebbero scoraggiare i consumatori e allungare la vita dei veicoli più inquinanti, anche se questa tendenza tende a diminuire negli ultimi mesi e continuerà sicuramente questa tendenza in futuro.