Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La madre inglese chiama suo figlio Lucifero e non si aspettava tali reazioni!

Josie Barnes, 27 anni, ha dato alla sua prole un nome insolito, Lucifer. Spiega che la sua scelta non ha nulla a che fare con la storia religiosa. Ho adorato questo nome.

A differenza di Satana, la madre del giovane Lucifero chiamava suo figlio in questo modo perché era un bambino “miracolo”. Josie afferma di aver perso dieci figli prima di dare alla luce il suo piccolo, Lucifer, secondo i media Indy100.

Josie Barnes, madre di due figli, racconta come ha trovato il cognome di suo figlio. Dice di aver individuato Lucifero in un libro di nomi di neonati e di aver apprezzato il suono. Riecheggiava persino con un altro nome indigeno, Narnia.

Dall’annuncio del nome di battesimo di suo figlio, Josie ha chiarito di aver ricevuto molte reazioni e persino commenti offensivi. Lei che vive con la sua compagna e i suoi due figli ci assicura che non ha chiamato suo figlio come il diavolo. “Satana non è il significato del nome di mio figlio”Al contrario, il suo annuncio di nascita è stata una notizia inaspettata a causa della storia medica di Josie.

Josie è entrata in un registro per essere sterilizzata a causa di problemi di fertilità che hanno influenzato la sua capacità di concepire. “Ho dato alla luce Lucifero sei anni dopo la nascita della mia prima figlia, perché in questo periodo ho perso dieci figli”, Josie ammette che non si aspettava di avere un secondo figlio.

Nonostante ciò che rappresenta il nome Lucifero, Josie ha deciso di mantenerlo. “Quando ho scelto il suo nome, sapevo che alla gente non sarebbe piaciuto, ma non dipendeva da loro”.

READ  "Mi iscriverò a Koh Lanta"

Tuttavia, Lucifero non è stato così strano ultimamente. È stato anche possibile diventare trend in alcuni luoghi grazie alla serie del nome omonima, Il diavolo. Dalla sua uscita su Netflix, Names of Demons è stato un grande successo. Lo spiega Pamela Redmond, coautrice di Nameberry. È un database di nomi di bambini e anche una guida per i genitori in attesa in un’intervista con The Post.