Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: ponti verso la Crimea, una questione strategica e simbolica

La guerra in Ucraina: ponti verso la Crimea, una questione strategica e simbolica

Il “Ponte di Crimea” viene spesso chiamato al singolare, come se esistesse un’unica via per raggiungere la penisola. In effetti, ci sono cinque ponti che collegano la Crimea settentrionale all’Ucraina. Ad est si trova un sesto edificio che collega la zona con la Russia. Nel complesso, questo ponte è ciò di cui vogliamo parlare quando parliamo del ponte di Crimea.

Chiamato anche Ponte sullo Stretto di Kerch, è l’unico collegamento via terra con il Paese di Vladimir Putin. È stato lui a ordinarne la costruzione dopo l’annessione della penisola di Crimea nel 2014. La sua lunghezza è di 18 metri ed è considerato il ponte più lungo d’Europa. Supporta il traffico stradale da un lato e il traffico ferroviario dall’altro. All’epoca fu qualcuno vicino a Putin a completare il progetto in due anni pagando una somma forfettaria 228,3 miliardi di rubli (2,9 miliardi di euro).

È stato inaugurato nel 2018 dallo stesso presidente russo. Ecco perché a volte viene chiamato “il ponte di Putin”, secondo La Repubblica. Ha quindi un valore simbolico. La prova appare sulla copertina di un nuovo libro di storia per studenti russi.

Ma ha anche un’importanza strategica. Senza questo ponte sarà difficile per la Russia rifornire le proprie forze in Crimea. L’Ucraina ne è ben consapevole fin dall’inizio dell’invasione.

Negli ultimi mesi il ponte sullo stretto di Kerch è stato attaccato più volte. La Russia a volte ha sventato gli attacchi. Ma altri hanno causato danni gravi. Il 17 luglio un drone marino ha causato gravi danni al tratto stradale dell’edificio, uccidendo una famiglia di turisti russi. Nell’ottobre 2022, una grande esplosione, che Mosca ha attribuito a un camionbomba, ha provocato un violento incendio sul ponte, uccidendo almeno tre persone.

READ  Guerre en Ucraina : nuove sanzioni in Russia, nuovi aiuti per l'Ucraina, gli indici accablanti sulle catastrofi

Da allora, la Russia ha cercato di rafforzare la sicurezza attorno al ponte. Secondo i servizi segreti ucraini, la Russia ha affondato delle navi vicino all’edificio per fungere da barriera fisica contro i droni navali. Un’affermazione che sembra essere confermata dalle immagini satellitari analizzate da Sky News. Secondo l’esperto britannico Michael Clarke, in un’intervista a Sky News, l’uso di “Blocco della nave“Est”Una nuova risposta a una nuova minaccia“, quei droni navali ucraini.

Sebbene non dubiti dell’efficacia della strategia, nutre ancora alcune riserve. Questa è una vasta area, quindi avrai bisogno di una serie di navi e poi di una sorta di barriera tra loro, potrebbero essere catene o reti d’acciaio, per impedire qualsiasi passaggio“, ha dichiarato. “AGli ucraini hanno sviluppato una nuova tecnologia intelligente e la Russia sta rispondendo con una strategia vecchia di 200 anni di affondamento delle navi.