Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: attacchi mortali russi dopo l’esplosione del ponte in Crimea

Il Cremlino ha detto che il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una riunione del Consiglio di sicurezza lunedì. L’esplosione, che ha danneggiato e parzialmente distrutto il ponte che collega la penisola annessa alla Russia, che Kiev aveva precedentemente indicato come illegale, è un’altra grave battuta d’arresto per la Russia, in un momento in cui le sue forze stanno lottando in Ucraina.

L’esercito ucraino e i servizi speciali (SBU) a Kiev non hanno né confermato né smentito il loro coinvolgimento, e il presidente Volodymyr Zelensky ha smentito solo in un video del tempo “nuvoloso” di sabato in Crimea – un possibile riferimento al fumo dell’incendio -” sebbene il anche caldo”.

Il presidente russo non ha risposto pubblicamente.

Ma di notte, gli attacchi russi contro condomini a Zaporizhia hanno ucciso tra i 12 ei 17 anni, secondo quanto riferito, tre giorni dopo i precedenti attentati che hanno ucciso 17 persone in questa città dell’Ucraina meridionale.

Un rapporto finale dell’amministrazione regionale di Zaporizhia ha riferito che 13 persone sono state uccise e 60 ferite, tra cui donne e bambini. La prima valutazione del consiglio comunale aveva inizialmente riportato 17 morti.

In precedenza, il presidente Volodymyr Zelensky aveva annunciato che 12 persone erano state uccise e 49 persone, tra cui sei bambini, erano state ricoverate in ospedale.

“pura malvagità”

Il presidente ucraino ha scritto sul suo account Telegram: “Non ha senso. Il male assoluto. Terroristi e selvaggi. Chi ha dato questo ordine a chi lo ha eseguito? Tutti loro hanno la responsabilità. Davanti alla legge e davanti al popolo”.

Questo sciopero russo “ha distrutto appartamenti privati, dove le persone vivevano e dormivano senza attaccare nessuno”, ha aggiunto Zelensky.

READ  Energia: l'Unione Europea si rifiuta di pagare il gas in rubli e si prepara a staccarsi da Mosca

L’aviazione ucraina ha affermato che contro la città sono stati utilizzati quattro missili da crociera e due missili lanciati da aerei da combattimento e altri missili antiaerei.

Domenica, l’esercito russo ha dichiarato di aver lanciato attacchi con “armi di alta precisione” contro unità di “mercenari stranieri” vicino a Zaporizhia.

Zaporizhia è vicino all’omonima centrale nucleare, nel mezzo di una situazione di stallo di più mesi che ne ha richiesto la chiusura e ha sollevato i timori di un incidente nucleare. Oggi, sabato, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha avvertito che questo sito ha perso nuovamente la sua fonte di energia esterna a causa dei bombardamenti e dipende dai generatori di emergenza.

Il vice primo ministro russo Marat Khosnolin ha annunciato che, a seguito della massiccia esplosione sul ponte di Crimea, domenica i subacquei stanno esaminando la struttura per valutare i danni strutturali, con “risultati preliminari” attesi entro la giornata.

Il traffico automobilistico e ferroviario è parzialmente ripreso sabato, poche ore dopo l’esplosione che ha fatto crollare su più corsie uno dei binari di questo costoso ponte, aperto da Vladimir Putin nel 2018.

Tuttavia, i vagoni merci pesanti furono inizialmente restituiti ai traghetti.

Anche un convoglio di vagoni cisterna di carburante sul ponte ha preso fuoco.

Ma domenica il ministero dei trasporti russo ha affermato che i treni passeggeri dalla Crimea alla Russia “scorrevano secondo i normali piani”.

Le autorità russe hanno attribuito l’esplosione, che sabato mattina ha ucciso tre persone, all’esplosione di un camion bomba di proprietà di un residente della regione russa di Krasnodar.

Mosca non ha immediatamente incolpato l’Ucraina per l’attacco e i funzionari ucraini non hanno ufficialmente rivendicato la responsabilità.

READ  le dispositif militaire russe renforcé au cours du week-end, selon le Pentagone

Tuttavia, Kiev ha ripetutamente minacciato di colpire questo simbolo del ponte per annettere la Crimea, che viene utilizzata anche per rifornire le forze russe in Ucraina.

Tre morti

Le riprese televisive circolate sui social media hanno mostrato una potente esplosione mentre diverse auto attraversavano il ponte, incluso un camion che le autorità russe sospettavano fosse la fonte dell’esplosione.

Nelle altre inquadrature si vede un convoglio di carri cisterna in fiamme sul tratto ferroviario del ponte, e diversi tratti di uno dei due binari crollati sulla strada.

Secondo gli inquirenti, l’attacco, avvenuto sabato mattina, ha ucciso tre persone: l’autista del camion e un uomo e una donna che viaggiavano in auto, ei loro corpi sono stati tirati fuori dall’acqua.

L’esercito russo, che sta affrontando difficoltà sul fronte di Kherson nel sud dell’Ucraina, ha confermato sabato che i rifornimenti delle sue forze non sono stati minacciati.

L’Ucraina ha bombardato diversi ponti nella regione di Kherson negli ultimi mesi per interrompere le forniture russe, così come basi militari in Crimea, attacchi per i quali non ha ammesso la responsabilità fino a mesi dopo.

Dall’inizio di settembre, le forze russe sono state costrette a ritirarsi in molti punti del fronte. In particolare, hanno dovuto ritirarsi dalla regione di Kharkiv (nordest) e ritirarsi nella regione di Kherson.

Di fronte al potente esercito ucraino nelle forniture di armi occidentali, Putin ha emesso un decreto a fine settembre mobilitando centinaia di migliaia di riservisti e annettendo quattro regioni ucraine anche se solo parzialmente controllate da Mosca.

In segno di malcontento ad alta quota per la condotta delle operazioni, Mosca ha annunciato sabato di aver nominato un nuovo uomo a capo della sua “operazione militare speciale” in Ucraina, il generale Sergei Surovkin, 55 anni.

READ  Corona virus in Germania: saranno imposte severe restrizioni ai non vaccinatori