Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine della situazione degli ostaggi a Parigi: l’arresto di un uomo

Un uomo armato di coltello “noto per i suoi disturbi mentali” ha tenuto in ostaggio due donne lunedì in un negozio nel 12° arrondissement di Parigi.

Il pazzo, 56 anni, noto per soffrire di disturbi mentali, si è presentato con l’identità di un ex giudice tunisino e ha arrestato due donne: una madre e sua figlia.

Che è successo

Un giornalista dell’AFP ha subito notato che un uomo armato di coltello, noto per avere disturbi mentali, teneva ancora una donna martedì mattina in un negozio nel 12° arrondissement di Parigi.

La cattura degli ostaggi è iniziata lunedì intorno alle 15:30 in un negozio di ferramenta in via Allegre, vicino alla Bastiglia, a est della capitale.

Il maniaco, un uomo di 56 anni che si è presentato come un ex giudice tunisino, ha arrestato due donne. E la direzione della polizia ha annunciato su Twitter che uno dei due ostaggi era stato rilasciato poco prima delle dieci di sera.

Il distretto di polizia di Parigi ha quindi stabilito che i negoziati, guidati dalla Brigade Search and Intervention (BRI), stavano continuando per liberare il secondo ostaggio.

Dall’inizio dell’operazione di cattura degli ostaggi, gli agenti di polizia hanno bloccato i vari ingressi a Alegre Street, nota per i suoi numerosi negozi di alimentari e il suo mercato, e il perimetro è stato messo in sicurezza dai soldati delle forze di guardia schierate come parte del esso. Del piano Vigipirate, ha precisato il giornalista dell’Afp.

Il popolarissimo mercato di Aligre è ancora almeno parzialmente disponibile e alcuni commercianti si sono stabiliti lì martedì mattina.

READ  Fare pipì in mare potrebbe costarti caro quest'estate

Escludi la via del terrorismo

Esaminando il profilo psicologico di quest’uomo, lunedì una fonte della polizia ha rapidamente escluso il percorso dei terroristi.

Secondo una seconda fonte della polizia, l’uomo è noto alla polizia per aver molestato un medico locale nel suo studio medico.

Dopo essere entrato nel negozio poco prima delle 15:30, ha prima chiesto di “parlare con il ministro della Giustizia”, ​​Eric Dupond-Moretti, secondo due fonti della polizia.

“Dopo la presa degli ostaggi nel 12° Circuito, il ministro ha chiaramente informato i negoziatori che era a loro disposizione”, ha detto la delegazione che accompagna il Guardiano dei sigilli.

Ha parlato anche, su sua richiesta, con Sylvie Nowakovitch, l’avvocato dell’ex giardiniere Omar Raddad condannato nel 1994 per l’omicidio di una ricca vedova, Jeslyn Marshall, a Mougins (Alpes Maritimes). E la giustizia giovedì scorso ha ordinato la riapertura delle indagini su questo caso, che è il primo passo prima che il processo venga riesaminato.

“Gli piace molto e pensa che sia un ottimo avvocato”, ha detto ad AFP una fonte vicina alle indagini.