Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corea del Nord deve “annientare” la Corea del Sud e gli Stati Uniti se iniziano un conflitto armato: “Se il nemico sceglie lo scontro…”

La Corea del Nord deve “annientare” la Corea del Sud e gli Stati Uniti se iniziano un conflitto armato: “Se il nemico sceglie lo scontro…”

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha ordinato ai massimi ufficiali militari del suo paese di “annientare” la Corea del Sud e gli Stati Uniti se i due paesi iniziassero uno scontro armato, ha riferito lunedì l'agenzia di stampa centrale coreana della Corea del Nord.

“Se il nemico sceglie lo scontro e la provocazione militare contro la Repubblica Democratica Popolare di Corea, il nostro esercito deve sferrare un colpo fatale per eliminarlo completamente, mobilitando tutti i mezzi più forti… senza un attimo di esitazione”, ha detto Kim durante il suo discorso. discorso. Domenica si è tenuto a Pyongyang un incontro con gli alti leader nordcoreani, ha riferito KCNA.

In un lungo discorso tenuto lo stesso giorno al termine di un grande comizio di fine anno che ha delineato le direzioni strategiche del Paese, il leader nordcoreano ha lanciato nuove minacce di attacchi nucleari contro Seul e ha ordinato l'accelerazione dei preparativi militari per una “guerra” che potrebbe “scoppiare da un momento all'altro” nella penisola, secondo la stessa fonte.

Kim Jong Un ha accusato Washington di “vari tipi di minacce militari” e ha ordinato “la mobilitazione di tutti i mezzi e le forze materiali, compresa la forza nucleare, in caso di emergenza” contro la Corea del Sud. Il leader ha affermato di non cercare più la riconciliazione e la riunificazione con il Sud, citando la “situazione di crisi continua e incontrollabile” che, secondo lui, è stata innescata da Seul e Washington.

READ  In un guasto, i settantenni in vacanza devono vivere nella loro macchina fino all'arrivo di un meccanico il ... 20 luglio

I due alleati hanno rafforzato la loro cooperazione in materia di difesa di fronte a una serie record di test sulle armi da parte di Pyongyang nel 2023. Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yul ha promesso lunedì di tenere sotto controllo le provocazioni militari di Pyongyang attraverso un sistema di deterrenza congiunto ampliato. Con Washington, la sua implementazione è prevista nella prima metà del 2024. Questo sistema “scoraggerà sostanzialmente qualsiasi minaccia nucleare o missilistica proveniente dalla Corea del Nord”, ha affermato Yoon durante il suo discorso di Capodanno.

Nel 2023, Pyongyang ha messo in orbita un satellite militare da ricognizione, ha inciso il suo status di potenza nucleare nella sua costituzione e ha testato il missile balistico più potente del suo arsenale.