Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'80% dei francesi sostiene, la copertura aumenta e restano margini di miglioramento – Liberation

L'80% dei francesi sostiene, la copertura aumenta e restano margini di miglioramento – Liberation
Il livello di vaccinazione tra i francesi è aumentato nel 2023 ma “deve ancora migliorare” contro alcune infezioni, in particolare quelle in aumento come il morbillo, secondo un rapporto pubblicato lunedì dall’Autorità sanitaria pubblica francese, all’inizio della campagna europea di vaccinazione. Settimana.

I francesi sono per lo più sostenitori dell’iniezione, ma il livello di vaccinazione deve ancora migliorare per proteggere in modo efficace e ottimale l’intera popolazione. Le conclusioni sono state presentate da Santé Publique France la mattina di lunedì 22 aprile, nel suo rapporto per il 2023 pubblicato all'inizio della Settimana europea delle vaccinazioni. L'agenzia indica A “Alto livello” Impegno per la vaccinazione – più di otto persone su dieci affermano di sostenere la vaccinazione in generale – “Alto livello” Che si è stabilizzato da diversi anni e supera addirittura il periodo pre-Covid. Poco più di un terzo si dichiara addirittura molto favorito.

Questo sostegno si riflette innanzitutto nella crescente scelta dei genitori di vaccinare i propri bambini. Compresi i vaccini appena raccomandati. Pertanto, quasi tre quarti dei bambini nati nel 2023 hanno ricevuto almeno una dose dopo otto mesi contro il meningococco B, uno dei virus responsabili della meningite – e questa percentuale era poco meno della metà per i nati nel 2022. Il 2023 è stato anche il primo anno in cui viene somministrata la vaccinazione ai neonati è consigliato il vaccino contro il rotavirus, una delle cause della gastrite: circa un terzo di loro ha ricevuto una dose all'età di otto mesi.

Per quanto riguarda le vaccinazioni obbligatorie, c’è anche la copertura “Generalmente alto” Nei bambini. Ma non basta ancora per combattere il morbillo: il 92,8% ha ricevuto una seconda dose, mentre l’obiettivo è arrivare al 95% per eliminare il virus. Questa protezione è tanto più importante se si considera la recrudescenza di questa malattia in tutto il mondo, anche in Europa e in Francia – con un aumento di otto volte del numero di casi nel 2023 in Francia, e sacche di individui sensibili, soprattutto adolescenti e giovani adulti . Con l'alba delle Olimpiadi di Parigi e l'arrivo di milioni di visitatori stranieri, “È particolarmente necessario […] Promuovere il recupero vaccinale per tutti i bambini, adolescenti e giovani adulti nati dopo il 1980 che non hanno ricevuto un programma completo a due dosi.insiste Sanità Pubblica Francia.

READ  Una cometa più luminosa delle stelle che si avvicinano alla Terra

Vaccinazione “inadeguata” contro influenza e Covid

Tra le malattie in aumento c'è anche l'infezione da meningococco, balzata del 72% rispetto al 2022, anno in cui le autorità sanitarie avevano già messo in guardia da un aumento dei casi. Nel frattempo, la percentuale di adolescenti vaccinati contro uno di questi meningococchi – C – è salita dal 48% al 43,2%. Per questa fascia di età non esistono tuttavia dati sulla vaccinazione contro l’infezione da HPV, consigliata a partire dagli 11 anni. Tuttavia, i timidi inizi della campagna vaccinale nelle università lasciano capire il sostegno a questa vaccinazione: solo il 10% degli alunni di quinta elementare ha ricevuto una prima dose, secondo i primi dati.

Per gli adulti, l’Autorità sanitaria pubblica francese è particolarmente preoccupata per il tasso di protezione contro l’influenza e il Covid-19. “Inadeguato nelle persone a rischio”Lei ha deciso. E per una buona ragione: appena la metà (54%) delle persone di 65 anni e più sono state vaccinate contro l’influenza nella stagione 2023-2024, 2,2 punti in meno rispetto all’anno precedente, e un quarto (25,4%) delle persone di età inferiore a 65 anni sono state vaccinate contro l’influenza nella stagione 2023-2024. a rischio di avere una malattia grave, cioè 6,2 punti in meno. Solo un terzo delle persone di età pari o superiore a 65 anni è stato vaccinato contro il Covid.

Va detto che è l’iniezione anti-coronavirus a suscitare più diffidenza: il 29% delle persone tra i 18 e i 75 anni nella Francia metropolitana è contraria – davanti all’influenza (6%) e all’epatite B (4%). papillomavirus. (3%). Per la prima volta dalla pandemia di Covid, l’adesione alla vaccinazione tra gli anziani sta diminuendo. Dietro questi numeri si nascondono anche le consuete disuguaglianze sociali ed economiche in campo sanitario. Pertanto, le persone con qualifiche o redditi inferiori sono più caute rispetto al resto della popolazione riguardo ai vaccini.

READ  Il risveglio della linea di faglia dopo 800 anni sarà all’origine