Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kinshasa: professionisti della salute dotati dei primi segni di cancro infantile

Al via il workshop di formazione per 30 medici formati sui primi segni di cancro infantile, da giovedì 28 a venerdì 29 ottobre, presso le cliniche universitarie di Kinshasa. Mentre nella Repubblica Democratica del Congo si stima che ogni anno dai 4.000 ai 5.000 bambini sono affetti da cancro, questi medici sono attrezzati attraverso questa formazione per rispondere agli operatori sanitari che entrano in contatto con i bambini sul posto di lavoro.

Sotto la supervisione del Ministero della Salute Pubblica, questo programma di formazione sulla diagnosi precoce sarà sviluppato a livello delle province da cui provengono la stragrande maggioranza dei pazienti (Kinshasa, Congo Central, Kwelo, Kwango e Mau Ndombe).

Il Ministero della Salute accoglie con favore lo svolgimento di questo workshop, che mira a proteggere la vita dei bambini dal rischio di cancro.

“Il programma del governo nel settore sanitario ha compreso due assi importanti: la copertura sanitaria universale e la lotta alle malattie e alle epidemie attraverso la prevenzione. Attribuiamo grande importanza alla prevenzione delle malattie per poterle combattere efficacemente. Diagnosi precoce Nell’ambito della prevenzione, ho Sono felice di questo seminario, che rappresenta la mia dedizione, dottori, a salvare la vita dei bambini”, ha dichiarato il Dr. Bomboko, rappresentante del Ministro della Salute a questo incontro.

Inoltre, il dottor Asani Karim, pediatra e oncologo pediatrico, ha spiegato i vantaggi di tenere questo seminario. Ha anche parlato del ruolo che gli operatori sanitari dovrebbero svolgere nella lotta contro il cancro infantile.

“Questo workshop mira a formare diversi medici a riconoscere i primi segni del cancro infantile. Perché questo permetterà ai bambini con questa malattia di essere curati in così poco tempo. Le aspettative sono che guariti, e bambini affetti da cancro, nella Repubblica Democratica del Congo e dai medici congolesi. I medici congolesi devono svolgere il ruolo di individuare il cancro molto presto e indirizzarlo allo specialista che può trattarlo. Dobbiamo lavorare come una squadra nella piramide della salute per sconfiggere il cancro. La squadra è vincente parola quando si tratta di sconfiggere il cancro”.

Da parte sua, il dott. Fatou Lama Diaye, rappresentante di GFAOP, un organismo che si batte per un migliore trattamento dei tumori infantili nell’Africa francofona, ha sottolineato la necessità di tale formazione.

“La nostra presenza qui oggi testimonia l’attenzione che il GFAOP rivolge a questa formazione. Perché lo sappiamo, i bambini africani raggiungono il livello delle cliniche oncologiche molto tardi. Sfortunatamente, il 50% non può riceverli. Un trattamento appropriato che causa un cancro molto avanzato. Questo è per questo che insistiamo che GFAOB sta lavorando alla diagnosi precoce a livello statale in collaborazione con il Ministero della Salute per migliorare la sopravvivenza dei bambini”.

I 5 tumori infantili più comuni in Africa (linfoma di Burkitt, leucemia linfoblastica acuta, nefroblastoma, retinoblastoma e linfoma di Hodgkin) sono stati ampiamente spiegati agli operatori sanitari che hanno partecipato a questi incontri. Pertanto, saranno in grado di rilevare meglio i primi segni indicativi di questi tumori e consentire un trattamento rapido per i bambini.

READ  La Luna contiene abbastanza ossigeno per consentire a 8 miliardi di persone di respirare per 100.000 anni

Si noti che alla fine del programma di formazione, saranno formati più di 210 professionisti della salute (30 formatori e 180 fornitori di servizi) (per l’anno 2021-2022).

Giordania Minikini