Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Katherine Heigl, la madre di Colleen Perry accusa Richard Perry di violenza domestica: ‘Mi ha battuto la testa nel lavandino’

“Mi ha colpito la testa nel lavandino, piena di passaggi”: l’attrice Katherine Heigl ha affermato di essere stata aggredita dal suo ex compagno Richard Berry, che è stato oggetto di una denuncia di incesto da parte di sua figlia Colleen, secondo Rocheta.

Lo rende noto attraverso l’account Instagram “After Violence”, che mostra foto e testimonianze di personaggi anonimi e persone che dicono di essere state vittime di violenza sessuale e di genere o raccontano testimonianze di persone che non hanno voluto o non hanno potuto esporsi. Firmate da Mark Melki, queste immagini utilizzano ogni volta la stessa scenografia: la persona sta di fronte alla telecamera con un testo relativo alla sua esperienza.

Richard Perry rompe il silenzio: “Non c’è niente di più doloroso che essere accusati di un crimine che non hai commesso”.

In un post pubblicato giovedì sera su questo account, Katherine Heigl (77 anni) ha accusato il suo ex compagno, Richard Perry, padre di sua figlia Colleen, di averla aggredita durante la gravidanza. “Mi sbatte la testa nel lavandino, la mette in un arco; diversi schiaffi, ovviamente… L’ultimo schiaffo, incinta di sette mesi, mi ha fatto scoppiare il timpano. Colleen mi si è rivoltata nello stomaco. Era condannata ad avere un C- sezione. Non l’ho fatto”, ha scritto. L’ho lasciato!”

Le opere che la condannano risalgono alla metà degli anni ’70.

Contattato dall’Agence France-Presse, Dylan Salama, avvocato di Richard Perry, ha rifiutato di commentare. Colleen Perry Rojtman ha accolto con favore il discorso di sua madre e ha scritto in un commento sul suo post su Instagram: “Sono orgogliosa di te, mamma”.

READ  The Voice Belgium torna con nuove funzionalità: “Una stagione incomparabilmente accattivante”

In un articolo pubblicato dal quotidiano Le Monde nel febbraio 2021, Colleen Perry Rujetman ha parlato delle violenze sessuali subite quando era minorenne, nel 1984 e nel 1985, nella casa di suo padre, che allora viveva con Jane Manson, che è accusato di aver partecipato con lui. per questi attacchi. L’indagine aperta a Parigi contro l’attore è stata chiusa per prescrizione il 31 agosto 2022.