Novembre 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jean-Pierre Talbot, l’unico attore a interpretare Tintin al cinema: “Ammetto che sarebbe strano vedere qualcun altro interpretare Tintin.”

Jean-Pierre Talbot, l’unico attore a interpretare Tintin al cinema: “Ammetto che sarebbe strano vedere qualcun altro interpretare Tintin.”

Jean-Pierre Talbot è l’unico attore a interpretare Tintin al cinema. Dar: casa “Tintin e il segreto del vellot” e”Tintin e arancio blu“Tre anni dopo. Era un insegnante in pensione e poi preside della scuola, e vive ancora con sua moglie a Theo, nel dipartimento di Liegi. Lo abbiamo incontrato a casa sua per condividere i ricordi della sua straordinaria storia, che ricorda con orgoglio.. .

Jean-Pierre Talbot ha interpretato Tintin al cinema. © Dott

Jean-Pierre Talbot, come sei finito ne La doppia avventura di Tintin?

“Avevo 16 anni ed ero destinata a diventare insegnante. Un giorno ero di vedetta sulla spiaggia di Ostenda, in posizione di studente. Ero un’atleta. Tra i giovani, nella corsa, ho raggiunto la finale del campionato belga dei 100 metri.Mi chiede Una donna di nome Chantal Rivière “Conosci Tintin?“Un produttore cercava Tintin da tre anni, ma i candidati non erano soddisfacenti. Chantal faceva parte di un team distribuito in diversi paesi, responsabile della ricerca nei movimenti giovanili, nei mercati, nelle gite scolastiche…”

Cosa hai risposto?

“Ah, sì, lo so, che domanda stupida! Tutti conoscono Tintin. Il giorno di San Nicola tutti hanno ricevuto un album. Grazie a Tintin ho scoperto il mondo. Gli edifici brutalisti degli USA, gli Inca, i ghiacciai le montagne, gli animali dell’Africa… Oltre a questo ci siamo divertiti, c’erano senso dell’umorismo e profondi valori umani. “Faremo un film per te. Quindi stiamo cercando un giovane.”, lei mi ha detto. Nessuno mi ha mai detto che gli somigliavo. Mi ha chiesto se avrei accettato di apparire nel film. Ho detto sì ridendo ma non ci credevo affatto. E vedo ancora Chantal sulla spiaggia per il servizio fotografico inviato a Parigi.

In arrivo?

“A settembre ho ricevuto un telegramma. Era atteso lì per un’audizione. Ci vado e ancora non ci posso credere. Si atteggiano a Tintin con i pantaloni da golf. Il tessuto era come il sipario di un film, molto pesante .” “Ma quelle non sono le mutandine di Tintin, vedi? Sono bloccato lì dentro. E poi sì, mi serve una chiusura, ma non una chiusura posteriore, ecco cos’è!” Conoscevo Tintin meglio di chi mi vestiva. Mi hanno detto che mi stavano spingendo davanti alla telecamera “Fai quello che vuoi.”. Un mucchio di bastardi. Non volevo leggere la storia di La Fontaine. Cosa fare? Sono qui per interpretare Tintin. come era ? Amichevole e sportivo. Poi ho deciso di realizzare la bambola allargando gambe e piedi. Poi ho fatto dei salti asimmetrici. Muovi le gambe in una direzione e le braccia in una direzione verticale. Poi faccio una ruota, un salto avanti e uno indietro. Mi hanno riportato al treno. Alla fine sono stato scelto”.

Jean Talbot, Tintin al cinema, durante le riprese. © Dott

Poi ho conosciuto Hergé…

READ  'Temeva di essere deriso a scuola': la regola cambiata su richiesta del principe Giorgio all'incoronazione di Carlo III

“Un giorno mi sono detto, da bravo ragazzino educato che segue le istruzioni, che sarei passato all’ufficio di produzione e gli avrei chiesto cosa dovevo fare. E l’ho affrontato faccia a faccia. È stato molto breve. Ma ha subito detto:“È Tintin.”. Sono sempre rimasto in contatto con lui. Siamo diventati e siamo rimasti intimi. Mi diceva sempre che era orgoglioso di vedere il suo bambino ritornare in vita. Un giorno stavamo passeggiando per una famosa via dello shopping e tutti si fermarono per chiedermi l’autografo. Hergé era entusiasta. Mi ha autorizzato a firmare Tintin. Ha anche detto che i cartoni animati erano belli ma non era lui. Per lui Tintin era il film con me.

Jean-Pierre Talbot (Tintin al cinema) con Hergé per le strade di Parigi. © Dott

Come sono stati i preparativi prima del primo film?

“Per sei mesi ho lavorato tecnicamente sul mio ruolo e allo stesso tempo mi occupavo di pubbliche relazioni. Era pazzesco. Ero io a interpretare Tintin e quello di per sé era un evento. Ho intervistato i più grandi giornalisti francesi, trasmesso programmi e clip.” Promozionale. Ho fatto Guy Lux con Johnny e Claude François.

Jean-Pierre Talbot (Tintin al cinema) in una proiezione di Guy Lux con Claude François. © Dott

Giocare a Tintin non avrebbe potuto essere più semplice. Non assomiglia a niente. I suoi occhi sono punti. La sua bocca è la caratteristica. Non ha difetti…

“Volevano che prendessi lezioni di recitazione. Ma non mi piaceva, ero pigro. Ho detto: Smettila di farmi questo, mi spezzerai. Volevano congelarmi come una bambola. Mi hanno fatto prendere il mimo. lezioni e ho detto loro: “Lasciami vivere“Alla fine, me lo hanno lasciato fare. Perché lui aveva deciso che volevo portare avanti le cose, come Tintin. Durante le riprese ho dettoAndiamo, Capitano.”Mentre parlavo con il mostro del cinema e del teatro, Giorgio Wilson Chi interpretava Haddock, il padre di Lambert, che tenevo in grembo. Stavano morendo tutti dietro di me perché li stavo spingendo. George Wilson, durante le prime riprese, aveva la sensazione di voler mangiare Tintin. Gliel’ho detto. Non si sentiva offeso. Lo ammetto. “Tintin non lo farebbe mai?“Ho anche detto. Così si sono adattati. Ero totalmente preso da questa cosa. Ho fatto tutte le acrobazie. Ho imparato le immersioni e il judo.”

Jean-Pierre Talbot (Tintin al cinema) con George Wilson che interpretava il Capitano Haddock. © Dott

Una posizione di cui sei fiero?

READ  Chi è Hadi Matar, che viene arrestato con l'accusa di aver accoltellato lo scrittore Salman Rushdie?

“Serie di immersioni subacquee in Grecia. Sono rimasto nell’acqua fredda per giorni interi. “Me lo chiede il direttore.”Jean-Pierre, cosa indossi durante le immersioni, una muta o un costume da bagno? Lì ho avuto un pizzico di orgoglio. I miei muscoli sporgenti nel costume da bagno erano ancora migliori. Ma intanto cosa hai pagato per questo momento di gloria! Ero blu e faceva molto freddo.

Jean-Pierre Talbot (Tintin nel cinema) non ha esitato a bagnarsi. © Dott

E dopo i due film?

“Sono diventato tirocinante in una scuola normale, isolato dal mondo, e ho semplicemente finito gli studi. Poi ho iniziato a insegnare. Era previsto un terzo film ma non è mai stato realizzato. Ammetto che se fosse stato fatto con un attore diverso da me , sarebbe sembrato uno stupro.

Allora non farai mai più film. Rimanere fedele a Tintin?

“La vita ha fatto così. Certo, sono fedele a Tintin. Se avessi interpretato Zorro non sarei qui, eh. Inoltre, nel mondo del cinema, mi sono guardato intorno e ho capito alcune cose. Ho capito che tutti mi amavano. Grazie a Tintin, certo, ma soprattutto perché non prendevo il posto di nessuno. Poi vedevo intorno a me tanti attori che non erano sicuri del domani, tranne quelli grandi. Ma anche per loro , durò solo dieci o quindici anni. Lì avevo paura di non trovare lavoro, quindi non volevo fare l’attore. All’inizio volevo fare l’insegnante. Ho seguito la mia strada in modo abbastanza naturale.”

Non ti è piaciuto l’ambiente?

“Avere un agente che cerca contratti per me, sottobanco, per una miseria? Entrare in tutte le questioni relative alle celebrità? Sapevo che non c’era nessuna faccia come Dillon. Ci sarei riuscito? Ho sbagliato?”

Jean-Pierre Talbot (Tintin nel cinema) ha ricevuto questo dipinto in dono da un sindaco francese amante di Tintin. Lo appese al muro della sua casa in Rue du Congo. © Bernard Demoulin

Hai pensato per un momento di essere Tintin? Anche se questo significa dimenticare Jean-Pierre?

“Difficile dirlo. Supponendo che ci fosse un’osmosi tra i due, ammetto che è stato un momento di confusione. La partita di Parigi al mio matrimonio, il soldato di Tintin e tutta quella roba. Comunque penso di essere stato un buon Tintin. Questo perché Ero pazzo, era Jean-Pierre “Già parte di Tintin. Ma alla fine so chi sono e ho vissuto la mia vita”.

Nawras

Se Hergé, testimone del suo tempo, avesse dipinto oggi Tintin in Congo, sarebbe un album diverso. Preferisco immaginare Tintin che cerca di salvare i bambini soldato che rischiano di essere massacrati.

Sei ancora spesso invitato ad eventi, anche all’estero, per firmare autografi. Rispondi a tutte le richieste: sei in missione?

READ  Carlo III cambierà la legge per impedire a Harry e Andrew di garantire la sua transizione

“Mi sento obbligato a rispondere a tutto ciò che riguarda la tentinofilia. Non mi diverte particolarmente, almeno non sempre, ma è un dovere ricordare, anche un compito.

Ancora oggi la gente per strada ti chiama ancora “Tintin”?

“Sì, ma è molto più raro. Sono cambiato molto. Ma nel tennis è Tintin. Nel canicross (ndr: gare a piedi o in mountain bike che coinvolgono una persona e un cane, legati insieme), sono stato più volte campione europeo. Anche lì mi chiamavano “Sempre Tintin. Per strada la gente mi chiede delle storie. Mi stanca un po’ ma le faccio”.

Guardando indietro, come descriveresti Hergé?

“Tranquillo. Detto. Semplice. Ascoltava molto e nelle discussioni parlava poco, e all’improvviso, alla fine, dava la sua opinione e la sua opinione divenne autorevole in un modo un po’ strano. Ora, su di lui si è scritto molto , sulla sua personalità.L’ho visto nel suo ufficio di designer “Tutto era calmo. Forse qualche volta suonava. Normale.”

Hergé in particolare è stato accusato di antisemitismo e, più recentemente, di colonialismo. Era un antisemita (Rastapopoulos aveva il naso adunco)? Coloniale (Tintin nel Congo)?

Hergé ha raccontato i suoi tempi. Senti, oggi un insegnante non può più dire “matita”. Dovremmo dire “strumento di apprendimento”. Il mondo è pazzo e noi siamo in declino. Tintin in Congo? Sì, ci sono due o tre persone che cercano di fare soldi in modo disonesto. Se Hergé, testimone del suo tempo, avesse dipinto oggi Tintin in Congo, sarebbe un album diverso. Forse vedremo ancora animali. Ma niente più foto dell’antico Congo. Invece, immagino Tintin che cerchi di salvare i bambini soldato che rischiano di essere massacrati.

Jean-Pierre Talbot (Tintin al cinema) con Tournisol. © Dott