Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

David Fincher spiega perché Netflix non vuole continuare

David Fincher spiega perché Netflix non vuole continuare

David Fincher è recentemente tornato alla sua difficile sfida Cacciatore di menti E sui motivi per fermare la serie Netflix.

Quando la serie Cacciatore di menti È stato pubblicato su Netflix nel 2017 e avevamo tutte le ragioni per credere che la serie sarebbe continuata. Il Joe Penhall Show è, ancora oggi, uno dei migliori contenuti sulla piattaforma (e temiamo che non cambierà per molto tempo). Con Charlize Theron e soprattutto David Fincher (che ha co-scritto e anche prodotto la serie) come produttori esecutivi, Joe Penhall si è messo in tasca alcuni potenti alleati.

Ma è chiaro che la serie interpretata da Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv non ha convinto abbastanza la piattaforma. Anche se l’idea di un rilancio l’aveva David Fincher Cacciatore di mentiDobbiamo accettare il fatto che la serie non tornerà su Netflix per una terza stagione a meno che non accada un miracolo. Se i fan chiedono un sequel dal 2019, David Fincher ha recentemente inserito i proiettili e fornito molte informazioni sulla difficoltà di produrre la serie.

Fincher quando tentò di vendere Mindhunter a Netflix

Avventura contro Netflix

In una lunga intervista rilasciata a il primo spettacolo Nel numero del 29 novembre 2023, il regista ha parlato del suo contratto con Netflix e Cacciatore di mentiaffondando il coltello un po' più a fondo nella ferita del ventaglio:

“Forse House of Cards non era un grosso rischio [pour Netflix]Ma questo è stato il caso di Mindhunter. Una serie investigativa che non sarebbe X-Files o CSI o Criminal Minds, ma sarebbe il ritratto di un uomo che perde la verginità in un mondo di sadici psicosessuali? Era una scommessa e una serie costosa. molto costoso.

Siamo andati il ​​più lontano possibile, finché qualcuno ci ha detto: “Non ha senso realizzare questa serie in questo modo, a meno che non si riduca il budget o la si renda più popolare”. Non abbiamo cambiato il nostro approccio quindi, logicamente, ci hanno detto che avrebbero tracciato una linea sotto la serie. È così: mi allontano sempre un piccolo passo da ciò che ci si aspetta da me. »

READ  Gerard Depardieu accusato di violenza sessuale da 13 donne: "Se non lo avessi arrestato ci sarebbe riuscito"

Mindhunter Stagione 2: fotografata da Jonathan GroffMindhunter Stagione 2: fotografata da Jonathan GroffEmmanuel Macron è rimasto sbalordito

Tranne un miracolo Cacciatore di menti Quindi non tornerà: David Fincher non vorrebbe certo tagliare il suo budget, e Netflix chiaramente non ha intenzione di dargli carta bianca sulla serie. Ciò non ha impedito al direttore di mantenere un buon rapporto con l'azienda, come abbiamo appreso anche nell'intervista il primo spettacolo Ha prolungato di tre anni (almeno fino alla fine del 2026) il suo contratto con Netflix. In attesa del prossimo film, il suo ultimo film l'assassino È ancora disponibile sulla piattaforma.