Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jean-Luc Mélenchon solleva un “incidente ridicolo”

Jean-Luc Mélenchon solleva un “incidente ridicolo”
Leader del movimento La France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon.
Emmanuel Dunand/AFP

Mentre martedì mattina l'auditorium principale della prestigiosa scuola è stato preso d'assalto da un centinaio di studenti, riunitisi per denunciare la situazione a Gaza, una giovane donna ebrea è stata oggetto di dichiarazioni accusatorie e le è stato impedito di entrare.

France Insoumise continua a svolgere il proprio ruolo. Nella furiosa guerra tra lo Stato ebraico e Hamas, il partito coordinato da Manuel Bombard si è sempre rifiutato di classificare il movimento islamico come organizzazione terroristica, distorcendo, ogni volta che ha potuto, la politica e la reazione del governo israeliano. Questa è la posizione che porta i luogotenenti rivoluzionari a sostenere la maggior parte dei commenti e delle azioni a favore della Palestina. Anche se ciò significa screditare Israele, le ripercussioni che ciò potrebbe avere per gli ebrei francesi vengono spesso sottovalutate. L'incidente di martedì del blocco della pista principale di Sciences Po ha confermato questa strategia per l'ennesima volta. Come promemoria, circa un centinaio di studenti hanno fatto irruzione nella stanza come parte di una “Giornata di mobilitazione universitaria europea per la Palestina”. A una giovane donna dell'Unione degli studenti ebrei di Francia (UEJF) è stato negato l'ingresso.

Secondo l'associazione, gli attivisti gli hanno gridato: “Non lasciatela entrare, è sionista”. Se questa esclusione provocò una protesta quasi unanime, i luogotenenti ammutinati si arrabbiarono moltissimo. Condannando gli insulti antisemiti se confermati, il loro sostegno all’azione militante è sempre solido. Come dimostra la reazione di Jean-Luc Mélenchon mercoledì sera. In risposta all'attivista filo-palestinese Rima Hassan, che era sulla lista della LFI per le elezioni europee, la figura guardiana di La France Insoumise ha semplicemente affermato: “Un incidente ridicolo”la cui casella vocale ha assunto un ruolo molto importante “Barometro nazionale dei media”.

Condanna di Emmanuel Macron

Mentre l'attivista si è lamentato “Pressioni” E basato su “Minacce” Prima di una conferenza tenutasi la settimana scorsa nella scuola parigina, aveva criticato l'ex candidato alla presidenza “Attacchi a geometria variabile” Il che, secondo lui, è così “grossolano”. Martedì è stata la stessa Rima Hassan a denunciare l'attentato del 7 ottobre “Legittimo”è già stato presentato in “Sostieni tutti gli studenti e le università che si stanno mobilitando contro il genocidio in corso”. “La vostra rivoluzione è sana e bella”, lei ha aggiunto. Senza una parola sulle dichiarazioni discriminatorie e sull'esclusione degli studenti ebrei. Mercoledì mattina, il deputato della LFI Adrien Quatennens lo ha confermato su BFMTV “Qualsiasi atto antisemita avrebbe dovuto essere vietato”.

Va detto che la polemica ha preso una piega nazionale. Dopo la visita del ministro dell'Istruzione superiore e della ricerca scientifica Sylvie Retilio, è stato il primo ministro Gabriel Attal a visitare mercoledì l'Istituto di scienze politiche e ad annunciare che il governo intraprenderà un'azione legale, sulla base dell'articolo 40 del codice di procedura penale. Questo dopo gli eventi di martedì. Un'azione imitata da Sciences Po, che ha annunciato che farà lo stesso in serata. Poco prima Emmanuel Macron aveva denunciato le dichiarazioni rilasciate durante il Consiglio dei ministri“Assolutamente indescrivibile e insopportabile.” Presidente dello Stato “Ricorda la sua posizione in modo chiaro e fermo, ha insistito la portavoce del governo Prisca Thevenot. Sì, le istituzioni universitarie godono di autonomia, ma questa indipendenza non giustifica in alcun modo il minimo inizio di separatismo.