Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

James Webb, un passo da gigante nella ricerca di altre “terre”



<p> Illustrazione artistica che visualizza una vista da uno dei pianeti nel sistema Trappist-1, a 40 anni luce dalla Terra, fornita nel febbraio 2018 dall’European Southern Observatory (ESO) </p>
<p>“Width =” 245 “height =” 170 “src =” dati: image / png; base64, iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAAMAAAACCAIAAAASFvFNAAAABmJLR0QA8wDzAPNl4f / dAAAACXBIWXMAAAsTAAALEwEAmpwYAAAAFklEQVQI12P8 / PkzAwMDAwMDEwMMAAAzfgLdhtgOogAAAABJRU5ErkJggg == “srcset =” https://www.lalibre.be/resizer/g-6sW7MLKplDuyxAhxWYshATOkU=/ 245×170/filters:quality(70):format(jpg):focal(117.5×90:127.5×80)/cloudfront-eu-central-1.images.arcpublishing.com/ipmgroup/W7UJGZ24TBHHZEZL6FRAG5EI5A.jpg 480w” data-sizes=”auto ” data-optimumx=”1″/></p></div>
</div>
</figure>
</div>
<p class=È possibile un altro pianeta Terra? Il James Webb Space Telescope si prepara ad aprire un nuovo capitolo nella ricerca di condizioni adatte per la vita al di fuori del nostro sistema solare, suscitando una grande speranza tra gli astrofisici.

Questa parte della storia è recente, la scoperta del primo esopianeta risale al 1995. Si chiamava “51 Pegasi b” e da allora sono stati elencati quasi 5.000 pianeti in orbita attorno a stelle diverse dal Sole.