Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele minaccia di evitare il boicottaggio dell'Eurovision

Israele minaccia di evitare il boicottaggio dell'Eurovision

È noto che la musica ammorbidisce la morale. Ma a condizione che non susciti polemiche. A questo proposito, la prossima edizione del concorso Eurovision è uno spettacolo mano-mano che assume aspetti sproporzionati.

Da diverse settimane si levano voci che denunciano la partecipazione di Israele a questo evento. L'Icelandic Broadcasting Corporation e in particolare la Società islandese degli autori e dei compositori hanno lanciato appelli al boicottaggio del programma. L’argomento in questione è la situazione in Medio Oriente, in particolare la risposta israeliana all’attacco di Hamas del 7 ottobre.

A gennaio i paesi nordici hanno seguito l'esempio esercitando pressioni sui canali coinvolti nella trasmissione della competizione. In Finlandia, ad esempio, una petizione è stata firmata da 1.400 artisti locali.

Questa rivoluzione ha costretto l'Unione europea di radiodiffusione, organizzatrice dell'Eurovision, a segnare le sue iniziali ricordando che la competizione è apolitica. Ogni riferimento politico è infatti vietato dal regolamento della manifestazione.

“Piogge di ottobre”

Adesso non è solo la partecipazione di Israele ad essere criticata, ma anche la canzone che il Paese ha scelto per rappresentarlo. Alcune gocce di pioggia di ottobre (“October Rain” in francese) alludono al bagno situato in Israele il 7 ottobre, ma questo non è chiaro.

“Ballando nella tempesta / Non abbiamo niente da nascondere / Portami a casa / E lasciami il mondo alle spalle / E prometto che non accadrà mai più / Sono ancora bagnato dalla pioggia di ottobre / Pioggia di ottobre”dice un verso della canzone. Dovremmo considerarlo un riferimento a quanto accaduto circa 5 mesi fa in Medio Oriente? Questa domanda preoccupa l'Unione europea di radiodiffusione, che attualmente sta discutendo con l'emittente pubblica israeliana Kan.

READ  Chi sono le star del cinema più pagate? Solo due attrici nella lista Cinema

Ma quest'ultima ha già annunciato il colore: non intende cambiare idea. Presenterai “October Rain” oppure ti ritirerai dal concorso.

L’Eurovision ha già visto molte polemiche. Dal 1964, fu la partecipazione di Spagna e Portogallo, allora stati dittatoriali, ad essere denunciata da un attivista che invocava il boicottaggio dei regimi franchista e salazariano. Ci sono state anche tensioni tra Grecia e Turchia negli anni ’70 e, più recentemente, diversi intoppi con la Russia.

Tuttavia, Israele è stato più volte nell’occhio del ciclone. Molti paesi smisero di trasmettere la gara nel 1978 quando divenne chiaro che Israele avrebbe vinto. La polemica si verificò anche nel 2000, quando il rappresentante del paese sventolò le bandiere israeliana e siriana. Nel 2005 ha partecipato il Libano, ma la sua costituzione vieta qualsiasi promozione di prodotti provenienti da Israele, compresi i prodotti culturali.

Anche nel 2019 la partecipazione di Israele ha già provocato un’ondata di proteste.