Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Io non sono un criminale (…) siamo molto, molto lontani”

“Io non sono un criminale (…) siamo molto, molto lontani”

Da star a criminale in una frazione di secondo. Nel 2019, gli spettatori sono inorriditi nell’apprendere la scioccante verità su un uomo che pensavano fosse tranquillo e si sono innamorati di lui. Nel gioco TF1 di Jean-Luc Richmann, “Les 12 Coups de midi”, Christian Quesada, allora in difficoltà finanziarie, si è rivelato e ha pareggiato le vincite per il jackpot.

Ma nel 2019 è scoppiato lo scandalo: Christian Kisada è stato incarcerato con l’accusa di corruzione di minori e possesso e pubblicazione di materiale pedopornografico. L’uomo è stato successivamente condannato a tre anni di carcere nell’aprile 2020. È stato rilasciato sulla parola nel marzo 2021. Questo lunedì abbiamo appreso che l’uomo è stato nuovamente arrestato per non aver rispettato i suoi obblighi. In particolare, doveva essere sottoposto al controllo sociale e giudiziario, che includeva il divieto di vedere i minori e di seguire determinati trattamenti. Non sappiamo di più sui motivi esatti della sua reclusione per la seconda volta.

“Non sono un criminale, sono un delinquente”

Mercoledì sera, Touche pas à mon poste ha trasmesso registrazioni esclusive dell’ex campione nello show TF1. In queste foto, Christian Quesada, che ha contattato lui stesso la casa di produzione di uno degli editorialisti (Genton Productions, che presto manderà in onda un documentario sull’uomo), afferma di non essere un criminale. “Non sono un criminale, sono un delinquente”, ha dichiarato prima di sminuire i fatti di cui era accusato. “Quindi dovresti sapere che nella giustizia francese l’immagine volgare dei bambini nella pornografia è una ragazza sotto i 18 anni in mutandine o reggiseno. Quindi sì, c’era più di questo. Ma per l’inconscio collettivo, cos’è lo sfruttamento minorile nella pornografia è davvero roba qui, mettiamo dentro i bambini. Siamo ancora molto, molto, molto, molto lontani.

Dichiarazioni contrastate dagli storici sul set delle riprese prendendo stralci dai fatti che gli attribuivano. “Siamo molto lontani dai cliché dei 17 e 18 anni”, ricorda Guillaume Genton.

READ  Jean-Luc Richmann in lutto annuncia la morte della madre (foto)