Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ingorghi brutali a Dover: la Brexit è determinata

Se il Regno Unito criminalizza la Francia per gli ingorghi a Dover, dall’altra parte della Manica, la Brexit è considerata responsabile.

Venerdì, molti vacanzieri sono rimasti bloccati per ore prima di poter raggiungere il porto di Dover (sud-est dell’Inghilterra), uno dei principali punti di accesso al continente.

Il direttore generale del porto di Dover, Dough Bannister, che ha accusato le autorità francesi di ridurre il numero degli agenti di polizia francesi alla frontiera, ha tuttavia sottolineato che bisogna riconoscere che “nella fase post-Brexit”, l’aumento sarà aumento.

Da parte francese, il governatore della regione Hauts-de-France, Georges-François Leclerc, ha ammesso di aver ritardato la piena attuazione del sistema prevista per venerdì a causa di un incidente di segnalazione nel tunnel della Manica e di un incidente stradale sull’autostrada M20.

Sabato, durante una conferenza stampa a Lille, ha chiesto: “Chi crederebbe che, poiché i rinforzi francesi sono in ritardo di un’ora, questo sia un intero sistema che sta deragliando?”

“Il lavoro è stato svolto dalla parte francese” aumentando la forza lavoro, che è aumentata di solito da 120 a 200 nei fine settimana estivi, durante i quali sono previsti da 9 a 10.000 veicoli al giorno, invece di normalmente da 4 a 5.000, ha affermato Rocks.

“prevedibile”

“L’anno scorso c’era il covid: scopriamo la Brexit” e il suo impatto nei giorni di punta, ha osservato il governatore, chiedendo al porto di Dover di prendere accordi per aumentare il numero dei checkpoint.

READ  'Viviamo nella casa sbagliata da 20 anni'

In occasione di queste perturbazioni, sui social sono ricomparse notizie di stampa secondo cui il governo britannico avrebbe rifiutato, a fine 2020, un’offerta di 33 milioni di sterline per raddoppiare la capacità di vigilanza da parte francese.

Nonostante le spiegazioni delle autorità francesi, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss, che ha fatto una campagna per succedere al primo ministro Boris Johnson, ha continuato a criminalizzare la Francia.

“La verità è che le autorità francesi non hanno inviato un numero sufficiente di persone al confine”, ha detto, ritenendo che spettasse alla Francia risolvere la situazione. “Sono chiaro con loro su questo”, ha aggiunto.

Ma per Lucy Moreton dell’ISU britannica, che rappresenta le guardie di frontiera, lo sconvolgimento è una conseguenza “prevista” della Brexit. “Questo è il momento in cui ha scelto di scioperare”, ha detto alla BBC.

Se sabato pomeriggio si manifestano difficoltà nelle immediate vicinanze del porto di Dover, sono state segnalate difficoltà significative su uno degli assi di accesso al porto e al Tunnel della Manica.