Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Infanzia in una setta, povertà, droga… Quello che non sai di Joaquin Phoenix

Infanzia in una setta, povertà, droga… Quello che non sai di Joaquin Phoenix
Ridley Scott sconvolto dalle critiche di Napoleone: ‘I francesi non amano nemmeno se stessi’

Tutto è iniziato nella sua infanzia, quando il giovane Joaquin Phoenix, allora chiamato Joaquin Rafael Bottom, è cresciuto nel culto dei Figli di Dio. Suo padre fu anche nominato “Arcivescovo del Venezuela e dei Caraibi”. Questa setta ha le sue origini nel movimento hippie e incita alla rivoluzione contro il regime. Ma molto presto all’interno del movimento emergerebbero pratiche come la prostituzione, l’incesto e la pedofilia. Il fratello di Joaquin, River, ha detto di aver perso la verginità quando aveva quattro anni. Dopo aver appreso di queste deviazioni, i genitori di Joaquin alla fine avrebbero lasciato la setta. L’attore ha parlato anche di questa setta e della responsabilità dei suoi genitori. “I miei genitori, che erano ingenui liberi pensatori, erano tentati dall’idea di avvicinarsi alla religione in modo diverso. Appena hanno capito cosa stava facendo questa setta, ci hanno tenuto lontani da questi farabutti. Mi arrabbio così tanto quando leggo che erano irresponsabili e ci mettevano a rischio: ho avuto i genitori più amorevoli, devoti e protettivi di sempre. Dobbiamo condannare senza riserve questo tipo di culto, ma siamo onesti: e nella Chiesa cattolica, quanti bambini vengono violentati in suo nome? La corruzione e l’abuso di potere esistono in tutte le religioni”. Spiega in A Intervista condotta con Le Point Nel 2018.

Dopo la loro scomparsa, cambiarono il loro cognome e adottarono il soprannome di “Fenice” per simboleggiare la loro rinascita. A poco a poco, la famiglia Phoenix cade nella povertà, costringendo Joaquin e i suoi fratelli a mendicare per le strade.

Una delle maggiori tragedie della sua vita fu la morte del fratello River, con il quale iniziò la sua carriera professionale all’età di sei anni. Nel 1993, Joaquin, accompagnato da sua sorella Rayne, andò al Viper Room, una discoteca di proprietà di Johnny Depp. Si stanno preparando per assistere ad un concerto del fratello River. Ma prima di salire sul palco gli viene dato da bere ma è pieno di droga. Non abituato a consumare questo tipo di sostanza, River crolla davanti ai loro occhi e muore per una devastante overdose. Joaquin chiama i servizi di emergenza e cerca disperatamente di aiutare suo fratello. L’appello verrà poi trasmesso su diversi canali di informazione e su Internet.

READ  Sarah Machette (Maman e Celebrity) verrà presto operata dopo un incidente sugli sci, e spiega il perché

Un altro demone che Joaquin Phoenix ha dovuto affrontare è stata la sua dipendenza dall’alcol. Al termine delle riprese camminare sulla linea, In cui interpreta Johnny Cash, l’attore è caduto nell’alcolismo e poi ha trascorso del tempo in riabilitazione. Tuttavia, Joaquin Phoenix odia i paralleli che si possono tracciare tra la sua vita e le scelte del suo personaggio. “Il mio alcolismo corrispondeva al momento di piacere della mia vita e non aveva nulla a che fare con il dolore a cui Callahan cercava di sfuggire. (Il personaggio che interpreta nel film)Non preoccuparti, non camminerà molto lontano.” (NdlR). Voi giornalisti pensate che la mia vita sia una lotta fin dall’infanzia, e ho scritto molti errori, ma ora non mi interessa, conosco la mia verità. Sì, una sera mi sono rotti i freni e ho rotolato un paio di volte, ma non mi sono fatto male. Non avevo mai pensato a questo episodio quando Joss mi ha parlato del ruolo. Ma capisco la tua reazione, a volte ho la stessa cosa“, ha detto a Le Point.