Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incendi in Francia: un pompiere di 19 anni accusato di aver commesso una trentina di incendi

Un giovane vigile del fuoco volontario, originario della Gironda, è stato incarcerato domenica per “aver distrutto con il fuoco”. Si sospetta che abbia causato 31 incendi avvenuti tra il 29 luglio e il 21 agosto.

Tempo di lettura: 2 minuti

yoIl pubblico ministero di Bordeaux ha indicato in un comunicato che uno studente di 19 anni, un vigile del fuoco volontario in Gironda, è stato incriminato e incarcerato domenica per “distruzione con il fuoco”, sospettato di aver appiccato una trentina di incendi nel Médoc.

Venerdì mattina, questo giovane di Lispar-en-Medoc (Girond) e vigile del fuoco volontario a Solac-sur-Mer è stato arrestato e ha ammesso “parzialmente” il suo coinvolgimento mentre era in custodia di polizia, secondo la stessa fonte.

La giustizia lo accusa di aver causato 31 incendi avvenuti tra il 29 luglio e il 21 agosto, che hanno portato alla sua accusa principalmente per “aver distrutto legna da ardere, foreste, paludi, fattorie o fattorie di altri che potrebbero causare danni alle persone”. anni di carcere.

natura volontaria e criminale

In questo periodo estivo sono stati osservati una trentina di incendi “di natura volontaria e criminale” in una ristretta area geografica nel nord del Médoc”, a Solac-sur-Mer, Le Verdon-sur-Mer, Graient-et-l’ Hôpital e Saint-Vivien-de-Médoc e Vensac, secondo l’accusa.

In questo periodo furono mobilitati circa 45 gendarmi e le indagini furono condotte dalla brigata di ricerca di Lesparre e dal dipartimento di ricerca di Bordeaux. Secondo l’accusa, il presunto piromane “ha confermato la sua confessione” davanti al gip, che domenica gli ha presentato l’incriminazione.

È stato quindi posto in custodia cautelare, secondo le richieste dell’accusa.



Quest’estate la Gironda è stata colpita da due grandi incendi, a La Teste de Buch (7.000 ettari a luglio) e Llanderas (13.800 ettari a luglio poi 7.400 ettari ad agosto dopo una violenta ripresa dell’incendio).

READ  Guerra in Ucraina: Ursula von der Leyen si oppone alla richiesta di cessate il fuoco