Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ince: ‘Il calcio italiano è tornato, può controllare Inter Olanda e Man City’

Ince: ‘Il calcio italiano è tornato, può controllare Inter Olanda e Man City’

Paul Ince non ha dubbi che l’Inter possa battere il Manchester City in finale di Champions League e ha spiegato perché dovrebbe far partire Romelu Lukaku a Istanbul.

Horszczak

I nerazzurri si sono aggiudicati il ​​posto in finale dopo il 3-0 complessivo sui rivali dalla distanza del Milan in semifinale, una prestazione sbalorditiva. I loro avversari, il Manchester City, sono stati ancora più dominanti in semifinale, battendo il Real Madrid 5-1 e portandoli a Istanbul.

Le probabilità contro Simone Inzaghi e l’Inter sono evidenti, ma i nerazzurri hanno dimostrato di essere all’altezza della situazione e saranno fiduciosi delle loro possibilità in vista della sfida decisiva del 10 giugno.

Parlando con La Gazzetta dello Sport, a Ince è stato chiesto prima se fosse sorpreso di vedere l’Inter in finale di Champions League.

“Se pensi al girone con Barcellona e Bayern, sì, può essere una piacevole sorpresa, ma la prossima partita è d’élite e non dovrebbe sorprendere nessuno.

“So cos’è un derby a Milano, è la partita più sentita e vibrante che abbia mai giocato, per non parlare di una semifinale di Champions League questa volta.

Quanto mi piacerebbe essere sul campo per sentire la gente chiamarmi ‘Governatore’! L’Inter ha superato questa battaglia a San Siro e merita di essere a Istanbul.

Ha parlato delle possibilità dei nerazzurri contro il Manchester City.

“Questo è il calcio, hmm… quello che pensi prima può cambiare dopo. Un errore individuale, un rimbalzo della palla da una parte o dall’altra, la brutta giornata di qualcuno, una decisione del VAR, quando dico che può succedere di tutto, dico sul serio…

“Tifosi dell’Inter, sarò sempre connesso e ci credo, ma credo che i giocatori lo facciano già. Hanno bisogno di stare insieme, una squadra tanto quanto li amo. Loro, si vede. Beh. Via… “

READ  Il centro italiano Francois May (ASM Clermont) ha saltato la Coppa del Mondo U20

L’ex centrocampista ha spiegato perché confida nei talenti dell’Inter.

“Perché l’Inter ha giocato le sue partite migliori contro avversari forti. Ecco, tutti devono giocare al meglio per 100 minuti in questa finale e poi ci sarà da divertirsi”.

Ince ha parlato di alcuni dei punti deboli del Manchester City di Pep Guardiola.

“L’aggressività che portano è soffocante, vogliono sempre controllare la palla, ma c’è spazio dietro i difensori centrali. È lì che puoi attaccare velocemente.

“Ecco perché, almeno per me, Lukaku dovrebbe giocare dall’inizio piuttosto che Dzeko. Edin è un giocatore fantastico, molto bravo con la palla, ma non ha lo stesso ritmo in campo aperto e per il City lo farà essere facile fermarlo.

Gli è stato chiesto se nella rosa dell’Inter ci sono giocatori come lui che potrebbero fare la differenza a Istanbul.

“Abbiamo fisici diversi, ma mi piace il coraggio di Parella, si vede che è altruista. Avrà avversari nella sua zona come Gundogan, Rodri e De Bruyne, ma con Calhanoglu, Mikhetarian e Brozovic può vincere la battaglia a centrocampo.

“Chi vince detta il gioco. Certo, anche se pensi all’Olanda, puoi venire il mal di testa, ma difendendo come una squadra puoi almeno controllarlo.

Il 55enne ha parlato di cosa significhi vedere tre squadre italiane alle finali europee in questa stagione.

“Che il calcio italiano ‘recupero’ non è uno slogan, e vincendo la Champions League l’Inter porterà a un’ulteriore ripresa.

“Sebbene la Premier League ora sia migliore dal punto di vista economico, gli italiani sanno ancora competere come nessun altro. Guardiola lo sa…”

Infine, Ince ha parlato di cosa direbbe all’Inter in vista della finale se fosse nello spogliatoio.

READ  Torpe: Ripresa delle officine italiane di Bella Cio

“Più o meno è: ‘E’ stata una lunga strada, abbiamo lasciato sangue e lacrime per terra, non abbiamo lottato invano, ora portiamo il trofeo al Milan’. Ti paga abbastanza, n’è vero??”