Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Ucraina, attesa ed eccitazione prima della battaglia decisiva per il Donbass

In Ucraina, attesa ed eccitazione prima della battaglia decisiva per il Donbass
H

Gor Firsov, 35 anni, originario della città di Donetsk, annessa alla Russia, è stato membro del parlamento ucraino fino al 2022. D’ora in poi sarà medico da combattimento nella 109a.H Brigata di Difesa Territoriale, una formazione che quest’inverno ha resistito allo shock della battaglia di Avdiivka, una città completamente distrutta e poi perduta dall’Ucraina, i luoghi dove Igor aveva marciato da adolescente.

Alla fine della battaglia, l’unità di Igor Firsov non aveva sparato quasi alcun proiettile di artiglieria, poiché non ne era rimasto nessuno. Da allora, il giovane politico riformista si è trasformato in un soldato e i suoi compagni hanno distrutto decine di carri armati russi…

H

Gor Firsov, 35 anni, originario della città di Donetsk, annessa alla Russia, è stato membro del parlamento ucraino fino al 2022. D’ora in poi sarà medico da combattimento nella 109a.H Brigata di Difesa Territoriale, una formazione che quest’inverno ha resistito allo shock della battaglia di Avdiivka, una città completamente distrutta e poi perduta dall’Ucraina, i luoghi dove Igor aveva marciato da adolescente.

Alla fine della battaglia, l’unità di Igor Firsov non aveva sparato quasi alcun proiettile di artiglieria, poiché non ne era rimasto nessuno. Da allora, il giovane politico riformista è diventato soldato, e i suoi compagni stanno distruggendo dozzine di carri armati russi con semplici droni FPV acquistati online dagli attivisti e carichi di esplosivi.

“Facciamo l’impossibile”

“Per noi gli aiuti forniti dagli Stati Uniti sono l’unica notizia positiva quest’anno”, dice Igor. Dà speranza e la speranza dà forza. Ma è solo questione di tempo. Quanto tempo possiamo resistere prima che arrivino gli aiuti? La priorità principale sono le persone. Se avessimo avuto un gran numero di soldati, la guerra sarebbe stata completamente diversa e il fronte si sarebbe mosso in una direzione diversa. Ci aspettiamo soprattutto molte munizioni, un milione di droni e un milione di proiettili. Stiamo ancora aspettando queste consegne e stiamo facendo del nostro meglio, anche l’impossibile, per preservare il Donbass. » D’ora in poi, per Igor e tanti altri, i giorni sono contati e i venti sono avversi.

READ  Norvegese: coup d'envoi de grandes manœuvres militaires avec l'Otan, "un exercice défensif"


Soldati del battaglione ucraino Achilles della 92a brigata d’assalto pilotano un drone vampiro in prima linea a Chasev Yar, nella regione di Donetsk.

Genia Savelov/AFP

Secondo numerose testimonianze, nessun aiuto materiale è arrivato alle brigate ucraine da quando il Congresso ha votato a Washington il 20 aprile un pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari. Abbiamo detto che le scorte sono già pronte, da qualche parte nella Polonia orientale. Tuttavia, se gli ingorghi del traffico di camion sulle strade dell’Ucraina occidentale rivelano gli inizi della logistica, ci sono pochi segnali che l’inizio di questi aiuti sia arrivato a destinazione. Di conseguenza, il Cremlino si aspettava che questi aiuti raggiungessero l’Ucraina lanciando un grande attacco a Chasiv Yar, una città già distrutta, con l’obiettivo di riprendere quest’estate il controllo delle “segrete” del Donbass, che sono ancora sotto il controllo di Kiev.

Un cappellano prega con i soldati ucraini della 69a Brigata in occasione della Pasqua ortodossa del 5 maggio.


Un cappellano prega con i soldati ucraini della 69a Brigata in occasione della Pasqua ortodossa del 5 maggio.

Genia Savelov/AFP

Sulle mappe l’obiettivo sembra chiaro: catturare Chasiv Yar, una cittadina situata ad una relativa altezza, per trasformare queste alture in rampe di lancio per artiglieria e ondate di fanteria verso Pokrovsk, Kramatorsk e Slovyansk, le ultime città del Donbass ucraino. Sul fronte la situazione è in netto peggioramento. Nei giorni scorsi l’esercito russo è riuscito a conquistare un promontorio lungo 15 chilometri intorno alla cittadina di Ochertyn, una zona che da mesi era stata svuotata della sua popolazione. In diversi luoghi, le brigate ucraine hanno abbandonato le loro posizioni e si sono ritirate per mancanza di munizioni.

armi chimiche

“La situazione è molto difficile”, ammette Igor Chernov, un altro deputato della Commissione Difesa del Parlamento, che trascorre il suo tempo viaggiando per il fronte. “La tattica dei russi cambiò. Cominciarono a usare armi chimiche su tutto il fronte, lanciando cariche tossiche sui nostri forti corazzati. Dopo che i fumi tossici costrinsero i nostri uomini a uscire dai loro rifugi, il nemico cercò di ucciderli usando l’artiglieria e i droni munizioni e senza un significativo rifornimento di forze, non possiamo mantenere il fronte.

Soldati ucraini trasportano la bara del soldato ucraino Taras Osmyakevich, ucciso in azione, durante una cerimonia funebre a Lviv il 2 maggio 2024.


Soldati ucraini trasportano la bara del soldato ucraino Taras Osmyakevich, ucciso in azione, durante una cerimonia funebre a Lviv il 2 maggio 2024.

Yuri Dyachin/AFP

Molti esperti a Kiev lanciano l’allarme. “I russi sono all’offensiva. Questo segna l’inizio di una grande offensiva a maggio, preannunciando un’estate difficile. “Ci stiamo spostando più indietro mentre il fronte si muove”, dice Maria Berlinska, nota ufficiale militare e direttrice dell’Aeronautica Centro di supporto dell’intelligence. “Maggio potrebbe essere complicato”. Molto importante per le forze armate ucraine, perché per i russi potrebbe essere l’ultimo mese in cui potranno sfruttare l’asimmetria nell’artiglieria e, soprattutto, nell’aria. .” “Sistemi difensivi, e forse anche nell’aviazione”, aggiunge Mykhaylo Samos, specialista in strategia militare.

In questa foto scattata il 4 aprile 2024, il personale militare ucraino prepara un sistema di trincee nella regione di Donetsk durante l’invasione russa dell’Ucraina.


In questa foto scattata il 4 aprile 2024, il personale militare ucraino prepara un sistema di trincee nella regione di Donetsk durante l’invasione russa dell’Ucraina.

Archivio Romano Belebi/AFP

A Kiev cresce l’ansia, ma anche la rabbia, di fronte all’indifferenza occidentale. “So che in Francia si continua a discutere se mandare i propri soldati in Ucraina sia una buona idea oppure no… ma non è quello che vi chiediamo, dannazione, vogliamo solo abbastanza armi!”, esplode Jaroslav, 22 anni, uno studente di storia alla Mohyla University “La domanda per noi oggi è quanti di noi moriranno e se il Paese sopravvivrà. La domanda per voi europei è se avete abbastanza coraggio per fare le scelte giuste per evitare la tragedia. »