Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Russia comincia ad emergere la portata delle frodi nelle elezioni presidenziali

In Russia comincia ad emergere la portata delle frodi nelle elezioni presidenziali

“Sultanato elettorale. » Nella terminologia politica russa, questo termine si riferisce ad aree in cui vengono praticate le frodi più eclatanti senza preoccupazione per la credibilità o il riconoscimento, e che costituiscono una riserva quasi inesauribile di voti per il Cremlino. Tatarstan, Kemerovo, Saratov, Caucaso del Nord, Mordovia, Tuva: in tutte queste regioni, la partecipazione e i risultati attribuiti ai candidati al potere, qualunque sia il tipo di elezione, superano sistematicamente l'80%, e si avvicinano addirittura al 100%.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Vladimir Putin ottiene un nuovo mandato come signore della guerra della Russia

Una lettura dei risultati dettagliati delle elezioni presidenziali del 17 marzo, che hanno visto Vladimir Putin dichiarato vincitore con l’87,28% dei voti, tende a mostrare che l’intera Russia è stata trasformata in un massiccio “sultanato elettorale”. Per non parlare delle condizioni per organizzare il voto (oppositori fittizi, media controllati, clima repressivo, interi settori della popolazione costretti a votare, ecc.) o dei risultati del voto elettronico, della scatola nera impossibile da analizzare, dei brogli elettorali uffici. Il voto sembra aver raggiunto livelli senza precedenti.

Questa osservazione non esclude nessuna regione, nemmeno Mosca, dove le autorità avevano precedentemente goduto di una certa discrezionalità. Esempio: distretto Danilovsky, a sud della capitale. Il luogo è noto per il suo mercato coperto troppo caro e per la sua popolazione abbastanza ricca e istruita. Nei seggi elettorali in cui hanno potuto registrarsi osservatori indipendenti, il tasso di approvazione di Vladimir Putin è stato di circa il 60%. Nei quattro uffici in cui erano assenti la percentuale ha raggiunto il 99%.

READ  Questa giovane donna si guadagna da vivere vendendo film bloccati nelle porte | Salute e amp; Benessere

Per quanto riguarda la città di Chepekino, con una popolazione di 40.000 abitanti, nella regione di Belgorod, la sua situazione è migliore: in uno dei seggi elettorali di questa regione, soggetto a regolari bombardamenti da parte delle forze ucraine, il tasso di affluenza alle urne ha raggiunto il 100%. , mentre il tasso di voto ha raggiunto il 100% a favore di Putin. Rispetto a questo risultato, anche la Cecenia e il 98,99% concesso al presidente impallidiscono.

Riscrivere puro e semplice

La frode è stata notevolmente facilitata, durante queste elezioni presidenziali, da una significativa riduzione del numero di osservatori indipendenti. La Russia ha una lunga tradizione in questo campo, con decine di migliaia di volontari, spesso ben addestrati, che fino a pochi anni fa venivano registrati come osservatori. La loro presenza durante la votazione e il conteggio dei voti ha complicato il compito dei truffatori. D'ora in poi solo i partiti ammessi al ballottaggio e una manciata di istituzioni potranno accreditare gli osservatori. È stato inoltre limitato l’accesso alle telecamere di sorveglianza installate nei seggi elettorali.

Ti resta il 69,05% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.