Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Israele, il parlamento sta votando su un’importante misura di controversa riforma giudiziaria

In Israele, il parlamento sta votando su un’importante misura di controversa riforma giudiziaria

I politici dell’opposizione hanno boicottato il voto, con alcuni canti “Vergogna! Vergogna!”

Benjamin Netanyahu, 73 anni, ha preso parte al voto dopo essere stato dimesso dall’ospedale dove era stato ricoverato per un pacemaker.

La polizia aveva disperso poco prima centinaia di manifestanti con cannoni ad acqua che chiudevano l’ingresso del Parlamento.

Il provvedimento, il primo ad essere riformato in legge, impedisce alla Corte Suprema di ribaltare una decisione governativa pronunciandosi sulla “ragionevolezza”. È stato approvato in prima lettura l’11 luglio.

Riforma giudiziaria che fa di Israele una “dittatura”

La cosiddetta clausola di “ragionevolezza” ha costretto Netanyahu a gennaio a destituire il suo vice al governo, Aryeh Deri, condannato per evasione fiscale, dopo l’intervento dell’Alta Corte.

Il presidente israeliano Isaac Herzog, che ha guidato i negoziati dell’ultimo minuto per un compromesso tra opposizione e governo, ha parlato di “emergenza nazionale”.

La riforma sostenuta dal governo, che include partiti ultraortodossi e di estrema destra, mira ad aumentare il potere dei funzionari eletti rispetto a quello dei giudici.

Il governo ritiene che sia necessario garantire un migliore equilibrio di potere, ma i suoi critici lo vedono come una minaccia per la democrazia.

La protesta popolare, che da gennaio riunisce ogni settimana decine di migliaia di manifestanti, si è intensificata con l’avvicinarsi della data del voto.

“Divisione Sorgente”

E domenica, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato Israele, suo alleato, a non precipitarsi in una riforma “sempre più divisiva”, ha detto.

“Non è logico che i leader israeliani accelerino (la riforma), poiché l’obiettivo dovrebbe essere quello di riunire le persone e trovare consenso”, ha affermato.

READ  “Una catastrofe che poteva essere evitata”: Netanyahu è ritenuto responsabile della tragedia avvenuta prima del 7 ottobre

In Germania, l’importanza dell'”indipendenza della giustizia” è stata sottolineata dal capo della diplomazia, Annalina Berbock, durante un’intervista questo fine settimana con la sua controparte israeliana, ha detto il suo portavoce a Berlino.

Domenica Netanyahu ha annunciato la continuazione degli “sforzi per completare la riforma (…) e gli sforzi per farlo in accordo” con l’opposizione.

Dietro il piano, il ministro della Giustizia Yariv Levin ha affermato che il governo ha scelto un approccio “cauto”.

“Noi non aboliamo la clausola di ‘ragionevolezza’, ma ne limitiamo l’uso, in modo che le opinioni personali del giudice non si esprimano a discapito della volontà popolare”, ha detto ai deputati.

Subito dopo il voto, Levine ha detto di voler “arrivare a un accordo” sulla continuazione del progetto, in quanto “nell’interesse della nazione”.

I critici del premier, sotto processo per corruzione, lo accusano di voler usare questa riforma per mitigare una possibile condanna a suo carico.

“forze oscure”

“Oggi, la prima legge che comincerà a far crollare la democrazia israeliana sarà probabilmente approvata in parlamento”, ha detto Shahav Kochinsky, 34 anni, un impiegato high-tech che è venuto a manifestare vicino alla Knesset.

“Darà al governo un potere illimitato. È una porta verso la dittatura ed è per questo che siamo qui e lottiamo per la nostra democrazia”, ​​ha aggiunto.

A destare malcontento sono anche altre disposizioni, come quelle che modificano il processo di nomina dei giudici, già adottate dai parlamentari in prima lettura.

Le manifestazioni hanno attirato israeliani di ogni estrazione politica e sociale, laici o religiosi, attivisti per la pace, operai o del settore tecnologico, ma anche riservisti, nel contesto dell’escalation della violenza israelo-palestinese.

READ  Xi Jinping arriva in Francia per il suo primo tour europeo dal 2019

“Stiamo difendendo la nostra democrazia con i nostri corpi”, ha detto Tali Gal, venuta a manifestare contro le “forze oscure”.

Il 52enne professore di diritto afferma di voler “inviare un messaggio al mondo che dobbiamo intervenire ora per fermare tutto questo”.

Guarda anche su LaLibre.be