Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le foto delle feste di Natale più belle del mondo

Miliardi di persone in tutto il mondo celebrano venerdì un Natale oscurato dal Covid-19 e dall’esplosione di casi legati alla variante Omicron, portando a diverse restrizioni sui tempi di ricongiungimento familiare.

A Betlemme, città palestinese della Cisgiordania occupata, diverse centinaia di persone, nonostante il cielo freddo e nuvoloso, si radunano in Piazza della Mangiatoia per seguire la sfilata di scout palestinesi, cappelli con palline in testa.

“È molto diverso dagli altri anni in cui era affollato”, ha detto Christel Alyan, che viene da Gerusalemme. “Oh mio Dio, alieno!” Ora, diciamo a noi stessi, quando incontriamo qualcuno, questa donna olandese sposata con un palestinese sorride.

Il suono dei tamburi e delle cornamuse ha portato un po’ di gioia in questa piazza attigua alla Cattedrale della Natività, luogo di nascita di Gesù secondo la tradizione cristiana.

Come nel 2020, la messa di mezzanotte sarà dedicata a una ristretta cerchia di credenti, solo su invito. Sarà celebrato dall’Amministratore Apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa.

In Vaticano, Papa Francesco presiede la tradizionale Messa di Natale alle 19:30 (18:30 GMT) nella Basilica di San Pietro a Roma, prima dell’ottava benedizione di Orbi e Ori al pontefice argentino da Piazza San Pietro il giorno successivo. oggi.

Altrove, un aumento dei casi di Covid-19 sta causando un brivido nei progetti festivi. Gli incontri saranno generalmente più fluidi rispetto allo scorso anno, anche con le restrizioni dei Paesi Bassi, la cancellazione degli spettacoli di Natale di Broadway e la reintroduzione della maschera obbligatoria all’aperto in Spagna e Grecia.

Il Regno Unito, di fronte a una diffusione fulminea della variante Omicron, ha registrato venerdì oltre 122.000 casi aggiuntivi di Covid-19, un nuovo record dall’inizio della pandemia.

READ  Centinaia di attivisti QAnon attendono la resurrezione di JFK a Dallas

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che il miglior regalo di Natale sarebbe quello di ottenere un vaccino “che sia il primo o il secondo, o il richiamo”.

Le compagnie aeree hanno dovuto cancellare più di 2.000 voli in tutto il mondo, di cui quasi un quarto negli Stati Uniti, soprattutto a causa della variante Omicron del Covid-19 che ha interrotto i viaggi di vacanza.

Milioni di americani si preparano ad attraversare il loro Paese nonostante tutto, anche se l’onda Omicron ha già superato il picco della variabile delta, con una media di 171.000 casi giornalieri in sette giorni e ospedali a corto di posti letto.

Il presidente Joe Biden ha visitato un ospedale di Washington con sua moglie Jill Biden, quest’ultima continuando la tradizione che la first lady visita i bambini in ospedale alla fine di ogni anno.

La coppia presidenziale ha ammirato le lanterne realizzate dai giovani pazienti e ha abbandonato alcuni racconti sul capitano, il pastore tedesco il cui recente arrivo alla Casa Bianca ha deliziato i social.

“Una scheggia di speranza”

La maggior parte degli australiani può ancora una volta viaggiare all’interno del paese, per la prima volta dall’inizio della pandemia, rafforzando lo spirito natalizio in un paese finora in preda a un numero record di infezioni.

Nel suo messaggio di Natale, l’arcivescovo cattolico di Sydney Anthony Fisher ha elogiato “le scene commoventi di persone che si incontrano negli aeroporti dopo mesi di separazione”.

In Francia, il numero di test condotti dai francesi per ritrovare i propri cari a Natale ha raggiunto il record di oltre 6,2 milioni la scorsa settimana. E giovedì ha battuto un altro record, con 9.608 casi confermati.

READ  Papa Francesco non presiede alla preghiera di fine anno

La pandemia ha ucciso almeno 5.385.564 persone in tutto il mondo dalla fine del 2019, secondo un rapporto AFP di fonti ufficiali di venerdì.

Il suo ritmo è ulteriormente accelerato in quasi tutte le regioni del mondo nell’ultima settimana, ad eccezione del Medio Oriente e dell’Asia, secondo i database AFP.

Il Marocco ha prorogato fino alla fine di gennaio la chiusura delle sue frontiere aeree, in vigore dal 29 novembre.

Ma la chiusura dei confini e delle restrizioni non impedirà alla famosa slitta trainata da renne di vagare per il mondo.

Lo ha confermato il ministro dei Trasporti di Ottawa, dando il via libera all’equipaggio, anche a Rudolph che “aveva il naso lucido (ma) si è assicurato di non avere sintomi da Covid-19 prima del decollo”.

Stesso pensiero da parte australiana: “I nostri controllori del traffico aereo guideranno Babbo Natale in sicurezza attraverso lo spazio aereo australiano”, ha affermato l’Autorità per la sicurezza aerea.

“È autorizzato a volare a 500 piedi in modo da poter pascolare sui tetti e consegnare i suoi doni in modo rapido e discreto”.

In Brasile, un Babbo Natale nero è arrivato in elicottero e ha distribuito pacchi alimentari ai residenti, inclusa una favela di Rio de Janeiro.

“I bambini mi guardano, sorridono, giocano, parlano. Hanno la sensazione di vedere un Babbo Natale nero”, ha detto Leonardo Pereira da Silva, 30 anni, residente negli slum e membro dell’ONG Central unicas das favelas (CUFA).