Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Costa Rica, le donne indigene lavorano per far rivivere l’agricoltura ancestrale – Editing

In Costa Rica, le donne indigene lavorano per far rivivere l’agricoltura ancestrale – Editing

Piste verdi

“Green Corridors” è una serie di reportage dedicati alle iniziative per contrastare gli effetti del riscaldamento globale, nelle regioni più colpite del mondo. Ogni mese Lubération dà voce alle comunità in prima linea che credono che le soluzioni esistano e che non sia troppo tardi. Questo progetto è stato sostenuto dall’European Journalism Center come parte del Solutions Journalism Project finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Libération ha mantenuto la piena indipendenza editoriale in ogni fase del progetto.

Patricia Hidalgo si asciuga la fronte. Alle 8 del mattino il sole stava già sorgendo, soffocante sotto la fitta coltre verde della giungla montuosa che osservavo nel sud della Costa Rica. All’inizio della stagione delle piogge può cadere una forte pioggia in qualsiasi momento. È impegnata a scavare la terra in questo terreno gestito da Kábata Könana (“Difensori della montagna”, in lingua Kápikar), un’associazione di donne indigene di questo piccolo paese centroamericano. Decisero di reimparare a coltivare la terra alla maniera dei loro antenati, spesso disprezzati: la loro antica scienza era quasi scomparsa. La quantità di terra dedicata ai Kabikar si ridusse notevolmente con l’espansione dei terreni agricoli, ma sotto l’effetto combinato di un rinnovato interesse per le colture indigene e di un ritorno all’agricoltura locale durante l’epidemia, le antiche pratiche di questo popolo portarono alla ricomparsa di circa diecimila persone. membri dentro catena montuosa Da Talamanca.

EccoloSpirito”“Patricia spiega. L’orto: troviamo ortaggi, fiori ed erbe aromatiche, ma anche piante officinali. Tra i Cabécars, ci sono cinque modi di utilizzare l’area: SpiritoIL un lavoroDove si coltivano cereali di base come mais, fagioli e riso, ChamogroDove troviamo alberi più permanenti come il cacao, le banane, i platani e gli alberi per la coltivazione del legname, velocementela fattoria e Sasha, la foresta. Nel SpiritoNel terreno sterrato compaiono piccole isole, testimonianza dell’ingegnosità dell’agricoltura che compensa l’assenza della tecnologia moderna “Costruiamo uno strato di terra circondato da tronchi di banani che aiuta a conservare l’umidità, perché non abbiamo un sistema di irrigazione“Patricia spiega. Poi copriamo l’isola con erba secca per prevenire l’erosione, e poi copriamo tutto con foglie di banano per controllare le erbacce. Le lucertole serpeggiano tra gli steli emergenti. Uccelli multicolori rispondono tra loro nella foresta circostante.

La crisi del COVID-19 ha accelerato il ritorno alle radici dell’agricoltura locale: “La pandemia ha colpito tutti noi nel 2020. Non ci sono più frutta e verdura in città”. IL “elefante” Quello di cui parla Marisela Fernandez, 48 anni e presidente dell’organizzazione, è piuttosto un grande villaggio chiamato Bribri, sulle rive del fiume Sexaola, a un’ora di distanza. Kapata Kunana decise allora di stabilirsi su un appezzamento di terreno che il popolo Kabikar aveva rivendicato dopo una causa contro un allevatore di bestiame: l’uomo con i suoi 4.000 capi di bestiame occupava 1.100 ettari di terra che fu finalmente riconosciuta come territorio indigeno. “Prima avevamo difficoltà a far valere i nostri diritti a causa della barriera linguistica. Ricorda il leader Kabata Kunana, che recentemente ha imparato lo spagnolo, la lingua ufficiale del Costa Rica. Grazie a un avvocato abbiamo riavuto indietro la nostra terra perché era stata sfruttata da una persona non locale”.

READ  Rendere le professioni sanitarie accessibili alle popolazioni indigene

“La nostra frutta e verdura vengono coltivate senza pesticidi.”

Nel pieno dell’epidemia, iniziarono a piantare: Primo SpiritoI suoi pomodori, le zucchine, il coriandolo e poi i suoi alberi Chamogro. Oggi, il modesto edificio in mattoni coperto da un tetto di lamiera, che fungeva da punto d’incontro per le donne della comunità per discutere di sviluppo economico e sociale, ospita una rete di 267 contadine su 110 appezzamenti di terreno distribuiti nelle montagne di Talamanca. . “Siamo riusciti a convincere i residentiMarisela è felice. Dopo la crisi del coronavirus, i prezzi dei prodotti alimentari di base sono aumentati e non c’è lavoro per le comunità, quindi non vogliamo fare affidamento sui supermercati per il cibo.

Spesso vengono in visita donne delle comunità vicine: tra i Kabikar è diffuso il baratto: piante di papaia con fave di cacao, semi di caffè con semi di zucchina o miele. Tutto è biologico. “I nostri antenati non avevano né colesterolo né cancrocontinua Marisela. Ma con i prodotti agrochimici queste malattie si sono sviluppate. I contadini non sapevano come proteggersi e non indossavano maschere. Oggi la nostra frutta e verdura vengono coltivate senza pesticidi. L’intera comunità Kabikar è consapevole di questa agricoltura sostenibile, rispettosa dell’ambiente e ancestrale. “Mentre l’uomo distrugge il mondo, noi lo ricostruiamo.”Lei sorrise.

Il lavoro di oggi è finito. Marisela, Raquel, Imelda, Flory, Katia e Julia si incontrano davanti all’ingresso di casa. SpiritoDove vengono prodotte le piantine degli alberi Guanabana – Un frutto chiamato soursop nelle Indie occidentali francesi – in attesa di essere piantato. “Adoro lavorare con le donneLo assicuro Giulia. Siamo più timidi e abbiamo meno fiducia in noi stessi quando ci sono uomini in giro. Mentre qui ci aiutiamo a vicenda.» Katia aggiunge: “Questa paura deriva dal patriarcato e dalla mascolinità nella società. Alcuni dicono: “Non posso farlo!” Ma io dico loro che se non ci provi non otterrai nulla”. Per alcuni, il punto di partenza del sessismo unico è stato il trauma: “Ho dovuto affrontare la violenza domesticaha ammesso Marisela. Ho resistito e mi hanno quasi ucciso. A causa della barriera linguistica, non ho potuto appellarmi alla giustizia. Ma sono riuscito a uscire da questo inferno. Oggi voglio lottare affinché le donne abbiano più diritti e potere decisionale.

READ  Chi è Ange Noiret, la nuova presentatrice meteo di TF1?

Se Kábata Könana non teorizza la sua lotta, la sua organizzazione porta avanti tutti gli aspetti dell’ecofemminismo, che combina lotte femministe e ambientaliste, tenendo conto del ruolo dominante delle donne come contadine, responsabili del nutrimento delle loro famiglie, in molte società. Questo termine fu usato per la prima volta dalla filosofa francese Françoise Dupont nel suo libro Femminismo o morte (1974), condanna il dominio reciproco del patriarcato e dell’ipercapitalismo e invita le donne a una rivoluzione globale. L’ecofemminismo e i movimenti delle donne contadine sono particolarmente forti in America Latina – soprattutto in Brasile – e in India. “Noi donne siamo sempre state emarginate, vulnerabili e discriminate”. Sarah Omi, coordinatrice della Regional Women’s Leadership, una rete di associazioni di donne indigene dell’America Centrale di cui Kapata Kunana è membro, propone:. Questo Emberá nativo viene dalla vicina Panama. “Siamo in prima linea nella crisi sociale e climatica, quindi sappiamo cosa deve cambiare nella societàimplora. Questo è quello che è successo qui durante il Covid. Organizzarci in questo modo tra sorelle ci rende più responsabili come donne.

Foresta primaria e formiche paralizzate

Se la comunità riesce a riprendersi le sue terre, è anche perché il Costa Rica rappresenta un’eccezione nella regione dal punto di vista ambientale: da trent’anni questo modello democratico fa sì che il Costa Rica sia al diciassettesimo posto nel British Media Democracy Index. L’economistaMentre la Francia – 23esima in classifica – ha deciso di rigenerare le sue foreste grazie alla proliferazione dei parchi nazionali, ma anche a premi finanziari, come il pagamento per i servizi ambientali che, attraverso il Fondo nazionale di finanziamento forestale, premia i proprietari terrieri che forniscono un servizio ambientale e rimboschiscono. Le loro trame. Dal 20% degli anni ’80, la Costa Rica vanta oggi di aver superato il 50% di copertura forestale: un modello difficilmente attuabile in America Centrale, dove la maggioranza sono regimi corrotti e autoritari.

READ  Contratto locale per migliorare la salute della popolazione

In linea con questi programmi governativi, le donne dell’associazione conducono progetti di riforestazione. Per dimostrarlo, si tuffano nel fogliame verso… SashaLa parte della foresta destinata al rimboschimento. Per raggiungerlo ci vogliono circa dieci minuti sfidando le viti e tagliando un sentiero con un machete attraverso la Foresta di Smeraldo. “Il legno ha il suo proprietario, Imelda ha spiegato. Il suo nome è Douarjo. Si prende cura degli animali, delle piante e degli alberi. Quando entriamo nella foresta, le diciamo ciò di cui abbiamo bisogno, che entreremo senza danneggiare nulla, in armonia con la natura. Marisela coglie una foglia di banana e, con un tocco di origami Capecar, prepara un piatto. “Questo è ciò che mangiamo nella foresta.” Si appoggia alle apparenti radici di A finiscoFichi insipidi Non latino “Attenzione! Formica proiettile! Il dolore è come uno sparo. Questa formica ti paralizzerà!” Appare un insetto lungo 3 cm con mandibole voraci. Si dice che la sua puntura sia più dolorosa di quella di qualunque altro insetto. È una delle magnifiche bestie della Madre Terra Talamanca.

IL Sasha Si trova più lontano. Ai piedi della collina c’è una piantagione di banane con solo una ventina di alberi. Ovunque piccoli germogli di alberi da frutto. “Qualcuno ha piantato questi banani in questa parte di terreno di proprietà della comunità locale. Imelda ha spiegato. Abbiamo preso un accordo e il proprietario ha accettato che saremmo venuti a piantare altri alberi più giovani per riscoprire parte della foresta primaria. Nel 2021, Kabata Kunana ha ricevuto il Premio UNDP Equator, assegnato a dieci popoli indigeni di tutto il mondo per il loro lavoro a favore della biodiversità. “La barriera della mascolinità e dell’emarginazione continua a impedirci, come donne indigene, di andare avanti”. Sarah Omi stima. Ma abbiamo le energie per andare avanti. Non tacere più.» Donne di Kabata Kunana Adesso sogno di aprire una scuola e una clinica, per essere più indipendente.