Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“In Belgio nessuno sa fare quello che fanno”: Alex Teklak spiega il contributo maschile al titolo del Club Brugge

incredibile. Storico. L’ascesa del Bruges riaccenderà il dibattito sulla divisione dei punti nelle qualificazioni alla Champions League. Indipendentemente dal fatto che sia stato considerato ingiusto o meno, anche la squadra Blauw en Zwart, intoccabile nelle ultime settimane, non ha rubato la sua corona. Coloro che hanno assistito a questa folle corsa al titolo non lo dimenticheranno presto. E nemmeno gli eroi. Alex Teklak spiega il contributo di sei uomini che hanno giocato un ruolo cruciale nella vittoria del 19esimo titolo nella storia del club.

Noereddine Jackers

Importanza diretta e indiretta

“Quando il tuo portiere è infortunato, quando hai scadenze come i playoff o la conference league, dici a te stesso: ‘Cavolo, dovremo far giocare un giocatore che ha giocato pochissimo finora.’ porta tante responsabilità sulle spalle. Anche per uno di 26 anni come i Jackers, Mignolet non è facile da sostituire. Deve ancora giocare più di dieci partite e senza contare che è stato decisivo, eppure lo ha fatto Non aveva molte partite nelle gambe. Il secondo turno è stato perfetto ed è stato anche premiato con un nuovo contratto. La sua presenza e le sue prestazioni hanno rafforzato l’ex Diavolo nella stagione semifinita, ad esempio, impedendo all’Anversa di condurre ma nella classica,. era irregolare. Mignolet aveva bisogno di sentire la presenza di Jackers alle sue spalle. In questo senso, il secondo portiere ha avuto un’importanza diretta e indiretta.

Jackers ha interpretato perfettamente il ruolo di secondo portiere. © Immagini Notizie

Denis Odoi

Simbolismo della rinascita di Heine

“Dopo il successo con il Genk nella Classica (0-3), Odoi ha già detto che ogni volta che si sentiva escluso come ‘vecchio’ nel gruppo, non appena le cose si agitavano nel club, lo contattavamo di nuovo. Appena le cose sono migliorate, si è ritrovato in panchina. Questo ruolo ha caratterizzato gli ultimi anni della sua carriera. Non veste i panni del ghanese professionista e talvolta fa il suo lavoro degno di lode, non delle spine, scorrazzando sul campo. ala, al centro o anche nella posizione numero 6. Odoi è stato utile alla sua squadra in molti modi. Era un maestro in tutti i settori e poteva essere messo ovunque contro l’Anderlecht. Alla penultima giornata, ha sostituito Sapp e ha messo Amuzu in tasca. Incarna simbolicamente il rinnovamento di Hayne. “Inoltre il suo gol contro Moov potrebbe essere il gol dei playoff. Dobbiamo apprezzare questo tipo di persona”.

Odoi a volte merita più allori che spine… ©TSI

Hans Vanaken

L’unico insostituibile

Sono sempre stato un grande sostenitore di Vanaken. Mi piacciono molto i giocatori che non sono particolarmente straordinari, ma capiscono il gioco e fanno giocare la loro squadra. La semplicità è difficile da raggiungere nel calcio. Per gli standard belgi, nessuno sa fare quello che fa Vanaken. A volte, quando è meno salutare, ci caschiamo. Ha però diritto a passaggi più difficili, come tutti gli altri. Facendo il bravo ci si abitua a esserlo sempre… Il Limburger per noi è un’anomalia. In partita si distingue per la sua intelligenza. Forse è colpa sua se a volte viene punito perché sa fare tutto nel mezzo. Pertanto è difficile limitarlo ad una situazione. Il capitano del club è in grado di adattarsi a molti giocatori e di chiarire molte situazioni. Si muove con precisione, nei posti giusti… cosa che di tanto in tanto gli ha anche giocato contro: dà l’immagine di un uomo poco simpatico, poco simpatico perché in realtà è “normale”. Vanakin è sempre un uomo educato e discreto. Nonostante il cuore ricco del Brugge, è l’unico giocatore che non può essere sostituito”.

C’è un’anomalia tra noi. © Bdv

Forrest Olsen

A volte c’è, a volte no

Per lui, la stagione è sembrata come una montagna russa. Skov Olsen sa come fare la differenza. La preoccupazione più grande era gestire questo infortunio. Sembra sempre ansioso e non sa cosa fare con se stesso. Forse si perde nella percezione del dolore. L’alano rimane un mistero, a volte c’è e a volte no. Non è al 100% nella sua testa. Quando va bene, invece, è imprevedibile. Skov Olsen eccelle tecnicamente, nella sequenza dei dribbling, nelle prese dalla profondità, nell’appoggio a Thiago… Ha segnato tanti gol decisivi ed è stato decisivo. È un giocatore internazionale e non ha problemi quando è ‘pronto’. Resta il problema che non sai se puoi davvero fare affidamento oppure no. Richiede regolarità e fiducia. E poi c’è…”

Imprevedibilmente, Skov Olsen ha spesso fatto la differenza. ©STI

Igor Thiago

Un ruolo importante nelle vittorie del “Camaleonte”.

La sua stagione è stata speciale. All’inizio remava. Tutti si chiedevano come Bruges potesse pagare così tanti soldi per questo. Poi ha iniziato a trovare la rete. Ma il brasiliano ha fatto centro soprattutto contro le squadre della colonna di destra. Il che ha contribuito a dare un quadro irregolare e disomogeneo della sua prestazione. Durò 6-7 partite e poi attraversò un periodo di siccità. Preferisco un attaccante che segni meno ma lo faccia con costanza, non importa quanto sia difficile l’avversario. Ma la fiducia è tornata durante l’ultimo terzo della stagione. Seguirono tecnologia e qualità. Fu autore di gesti di cui nessuno si credeva capace. Thiago avrà sempre un deficit tecnico, dovuto al suo aspetto fisico e alle sue capacità psicomotorie, ma è davvero interessante nel ruolo di ‘bersaglio’. Vista soprattutto la sua forza atletica, è più che utile anche in fase offensiva e difensiva. È in grado di tenere la palla e ha giocato un ruolo importante nelle vittorie del club. Indipendentemente dal fatto che il piano di Hein fosse cambiato, egli era entrato in battaglia e aveva causato molti problemi con la sua incessante attività. Anche se avanza un po’ a questo livello, deve calmare sia la sua passione che la sua spinta”.

Nell’ultimo terzo di stagione Thiago è stato titolare di gesti di cui nessuno pensava fosse capace. ©PDV

Nikki Hine

Preparazione attenta alla partita

Se è riuscito a sfruttare il momento positivo è perché ha centrato l’obiettivo. Hein è una persona molto analitica. Studia ogni avversario in modo rilevante e dettagliato per sfruttare al meglio i suoi punti deboli e contenere al meglio i suoi punti di forza. L’ex difensore è una persona molto esigente. Spesso adattava perfettamente il suo piano di gioco o diventava creativo da una partita all’altra. Soprattutto nelle fasi bloccate con tre o quattro modi da sfruttare ogni volta. Questa attenzione ai dettagli nella preparazione lo distingue da Dilla. Hayne ha anche dimostrato chiarezza nel ruolo di ciascuno dei suoi giocatori. Come Onyedika, che ha messo in risalto perfettamente le sue qualità, o Odoi che gli ha reso enormi servigi. L’allenatore ha scelto bene anche le partite in cui ha dato priorità a Ordonez, come contro l’Union SG dove il difensore ha affrontato Amora. Per non parlare del fatto che Heine aveva un grande rispetto per Della e il suo lavoro. La sua analisi è chiara, precisa e tagliente. Per quanto riguarda il suo comportamento a bordo campo è quasi impeccabile. “Per quanto riguarda il suo passo falso all’Anderlecht, tutti possono capire questa tensione visti i rischi che corrono”.

READ  Nella finale femminile del Roland Garros vinta da Iga Switek, ha mantenuto tutte le sue promesse: "Ho sentito la pressione in più"

“Ora, se dobbiamo qualificarci, non dobbiamo dimenticare che ha lavorato in un clima di emergenza. La società ha scommesso sui playoff, ma cosa farà adesso? Penso che i dirigenti non possano non dargli il contratto. Altrimenti giocheranno il ruolo sbagliato. Heine era un lavoratore temporaneo di lusso, ora dobbiamo vedere come si potrà ambientare a lungo termine. Tutto sarà diverso, sia a livello di gestione che di gestione. Gruppo, tifosi, media, trasferimenti… In ogni caso Limberger è già diventato più trasparente con i suoi dirigenti che si spiegano. Prosegue e spiega le sue decisioni a Verhaeghe Come affronterà un’intera stagione? , senza farsi spingere dal suo predecessore, è un’altra cosa Qui, in dieci partite, ha avuto successo in tutti i settori e come reagirà agli ostacoli che inevitabilmente si presenteranno in un dato momento. Di fronte al dubbio? Mark Riuscirà a mantenere la calma e la lucidità necessarie per prendere la decisione giusta nonostante tutto. Queste sono senza dubbio le domande che hanno occupato anche la dirigenza?

Hayen spesso adattava perfettamente o creava il suo piano di gioco da una partita all’altra. ©STI