Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In aumento la vaccinazione dei francesi

In aumento la vaccinazione dei francesi

Lunedì 22 aprile segna l’inizio della Settimana europea delle vaccinazioni. L’Organizzazione francese della sanità pubblica (SPF) coglie l’occasione per pubblicare un rapporto che mostra che il livello di vaccinazione della popolazione francese è generalmente aumentato nel 2023.

Nei neonati, rileva l'agenzia sanitaria “Incrementi significativi della copertura vaccinale per le vaccinazioni di nuova raccomandazione”. Contro il meningococco B, circa il 75% dei neonati nati nel 2023 ha ricevuto almeno una dose dopo otto mesi, rispetto a circa il 49% dei neonati nel 2022. Contro il rotavirus, una delle cause della gastroenterite, circa un terzo dei neonati nati nel 2023 — il primo gruppo per il quale è raccomandata la vaccinazione — ha ricevuto almeno una dose entro gli 8 mesi di età, come determinato dal fattore di protezione solare (SPF).

Per quanto riguarda le vaccinazioni infantili obbligatorie, la copertura è generalmente elevata, ma i progressi contro il morbillo sono insufficienti e sono ancora al di sotto dell’obiettivo del 95%. dato che “La recrudescenza di malattie prevenibili come il morbillo” L’arrivo di milioni di visitatori stranieri durante i Giochi Olimpici, “È particolarmente necessario (…) promuovere il recupero vaccinale per tutti i bambini, adolescenti e giovani adulti nati dopo il 1980 che non hanno ricevuto un programma completo a due dosi”., afferma l'agenzia. Tra gli adolescenti, la percentuale di persone vaccinate contro il meningococco C è aumentata notevolmente nel 2023, passando dal 43,8% nel 2022 al 48%.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati “Vaccinazione”. La “storia dell'approvazione”: i successi e le controversie della rivoluzione sanitaria

Vaccinazione inadeguata contro l’influenza e il COVID-19 tra le persone a rischio

Per gli adulti, copertura vaccinale per influenza e COVID-19 'Ancora non basta tra le persone a rischio'.

Poco più della metà delle persone di 65 anni e più (54%) sono state vaccinate contro l'influenza nella stagione 2023-2024, 2,2 punti in meno rispetto all'anno precedente, e poco più di un quarto (25,4%) degli under 25 in generale. 65 a rischio malattia grave, ovvero 6,2 punti in meno. Solo un terzo delle persone di età pari o superiore a 65 anni è stato vaccinato contro il Covid.

READ  Perché Tiktok sta cercando di evidenziare contenuti educativi e scientifici
Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Covid-19: senza vaccinazione, il numero di morti in Francia sarebbe raddoppiato

Questo rapporto del 2023 non include i dati sulle vaccinazioni per l’infezione da papillomavirus umano (HPV), che verranno aggiunti “Quasi”.

Impegno per la vaccinazione “stabile”.

Un’altra lezione: aumentare l’aderenza alla vaccinazione “sistemarsi” in Francia “ad alto livello” : Secondo l'Autorità sanitaria pubblica francese, più di 8 persone su 10 sono a favore della vaccinazione in generale.

Questa percentuale (83,7%) mostra “generalmente stabile” rispetto al 2021 e 2022 (rispettivamente 82,5% e 84,6%) e supera pre-Covid, tra il 2010 e il 2019, secondo l’edizione 2023 del Barometro della Salute, un sistema di rilevazione con campioni rappresentativi. Ma permangono forti disparità sociali ed economiche.

Se la percentuale di persone molto favorevoli alla vaccinazione (34,7%) aumenta rispetto al 2022 e ritorna ai livelli 2020-2021, “L’adesione alla vaccinazione rimane inferiore tra le persone con qualifiche o reddito inferiori”., riferisce l'SPF. Per la prima volta dalla pandemia di Covid, questo sostegno tende a diminuire tra gli anziani.

La sfiducia nei confronti di alcuni vaccini colpisce soprattutto il coronavirus (il 29% delle persone di età compresa tra 18 e 75 anni nella Francia continentale è contrario), prima dell'influenza (6%), dell'epatite B (4%) e del papilloma umano (3%).

Leggi anche la rubrica | Il materiale è riservato ai nostri abbonati “L’accesso universale ai vaccini è una questione di etica e di sicurezza sanitaria globale”.

Il mondo con l'Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto