Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio James Webb fornirà l’immagine più profonda dell’universo

Lo scoprirà la NASA “L’immagine più profonda del nostro universo mai scattata” Il 12 luglio, grazie al suo nuovo telescopio spaziale James Webb, ha detto mercoledì Bill Nelson, capo dell’agenzia statunitense. “È al di là di qualsiasi cosa l’umanità abbia mai guardato.”Ha detto durante una conferenza stampa allo Space Telescope Science Institute di Baltimora, il centro operativo di questo gioiello di ingegneria da 10 miliardi di dollari lanciato a dicembre e ora a 1,5 milioni di dollari dalla Terra.

James Webb è in grado di guardare l’universo più di qualsiasi telescopio prima di lui grazie al suo enorme specchio principale e ai suoi strumenti che ricevono segnali a infrarossi, che consentono loro di scrutare attraverso nuvole di polvere. “Esplorerà i corpi del sistema solare e le atmosfere degli esopianeti in orbita attorno ad altre stelle, fornendoci indizi sul fatto che le atmosfere siano simili alle nostre”.Spiegò Bill Nelson. Questo potrebbe rispondere ad alcune delle nostre domande: da dove veniamo? Cosa altro c’è? chi siamo noi? E, naturalmente, risponderà a domande che ancora non conosciamo”.

James Webb in particolare dovrebbe consentire di osservare le prime galassie, formatesi solo poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang, e gli esopianeti. Grazie a un lancio efficiente da parte del partner della NASA Arianespace, il telescopio potrebbe rimanere operativo per 20 anni, il doppio della sua durata originariamente prevista, ha affermato Pam Milroy, vicedirettore dell’Agenzia spaziale statunitense. Il 12 luglio, la NASA intende annunciare la prima analisi spettroscopica del James Webb Telescope di un pianeta lontano, un esopianeta.

READ  Acque in aumento in Occitania: scopri se la tua città sarà colpita dal riscaldamento globale

La spettroscopia è uno strumento per conoscere la composizione chimica e molecolare di oggetti distanti e, nel caso di un pianeta, può aiutare a determinare la sua atmosfera, rilevare la presenza di acqua o analizzare il suo suolo. Secondo Nestor Espinosa, un astronomo dello Space Telescope Science Institute, la spettroscopia degli esopianeti è stata finora molto limitata, rispetto a ciò che può fare il James Webb Telescope. “È come essere in una stanza molto buia e hai solo un piccolo buco in cui sbirciare”Ha detto della tecnologia attuale. Con questo nuovo telescopio, “Ho aperto una finestra enorme, puoi vedere tutti i piccoli dettagli.”